Ticino, 06 maggio 2022

"Senza l'intervento della politica i prezzi non cambiano"

Alzano la voce i benzinai. Il taglio delle accise attuato dallo Stato italiano ha fatto ‘emigrare’ diversi ticinesi nella vicina Italia per rifornirsi di carburante. Colpa dei prezzi esorbitanti della benzina, schizzati alle stelle a causa del conflitto ucraino. E la politica? È la domanda che si fa Luca Giampietro, CEO di City Carburoil Sa. “Oggi – dice a Ticinonews – siamo purtroppo inermi. Se la politica non ci dà una mano, per noi è impossibile ritoccare i prezzi. Le perdite nelle fasce di confine si attestano a circa il 90%”. Tradotto: “non si sta più vendendo nulla”.
 

“Ad oggi - prosegue – non ci sono segnali che fanno ben sperare. Siamo tutti in attesa di capire come si muoveranno Berna e Bellinzona. Al momento, noi siamo riusciti a evitare tagli o licenziamenti, ma se la situazione dovesse perdurare, dovremmo fare qualche riflessione in merito”. 
 

Il tempo però è esaurito. “L’Italia si è mossa per tempo. Noi siamo ancora immobili. Il mese di maggio è fondamentale per tutto il settore”, conclude Giampietro.

Guarda anche 

Di nuovo botte tra giovani nel Locarnese

Ci risiamo, di nuovo. Ancora un episodio di violenza giovanile si registra nel Locarnese: questa volta a Muralto. Ieri pomeriggio – riferisce La Regione –,...
21.05.2022
Ticino

Illegali e infetti, trenta pulcini importati in Ticino dall'Italia

L’Ufficio del veterinario cantonale del Dipartimento della sanità e della socialità conferma l’intervento in un’azienda a seguito di un...
20.05.2022
Ticino

"La mafia è un problema di tutta la Svizzera"

Sono state 49 le inchieste aperte in Svizzera per ciò che riguarda la criminalità organizzata. Casi di mafia che “hanno legami con diversi Cantoni&...
20.05.2022
Ticino

Il lupo colpisce in Mesolcina

Il lupo colpisce ancora. Una nuova predazione di pecore – riferisce la RSI – si è verificata a Ogreda (Mesolcina), dove giovedì sono state pr...
20.05.2022
Ticino