Svizzera, 02 marzo 2022

"200 franchi bastano", lanciata l'iniziativa per ridurre il canone radiotelevisivo

Il canone radiotelevisivo dovrebbe essere ridotto a 200 franchi dagli attuali 335. È stata lanciata ieri l'iniziativa popolare che chiede una netta riduzione del canone radiotelevisivo e l'esenzione del suo pagamento alle aziende.

"Vogliamo riportare una SSR gonfiata a proporzioni ragionevoli in termini di personale, finanze e influenza politica", ha detto il presidente dell'UDC Marco Chiesa, criticando lo status di quasi monopolio della SSR. Un dibattito sul mandato di servizio pubblico è atteso da tempo", ha detto il consigliere nazionale UDC Gregor Rutz. La SSR sta entrando in mercati che non fanno parte del mandato definito dalla sua licenza", ha aggiunto il democentrista.

Inoltre, "la tassa Serafe, attualmente di 335 franchi all'anno per famiglia, è la più alta del mondo", ha detto il consigliere nazionale UDC Thomas Matter. Inoltre, "non è più in linea con il consumo reale dei media in Svizzera", ha detto. 


Un'opinione condivisa da Mathias Müller, presidente del partito dei giovani PLR. "Le abitudini della gente non sono più le stesse di 10 o 20 anni fa. Noi, specialmente i giovani, usiamo molti canali e consumiamo contenuti digitali quando e dove vogliamo", ha detto. Tuttavia, i sondaggi hanno dimostrato che, nonostante l'investimento di milioni, la SSR non sta raggiungendo i giovani, ha detto. Ha aggiunto: "Molti giovani sono scioccati quando ricevono la fattura della Serafe. Noi giovani siamo costretti a pagare per un'offerta che conosciamo poco e che usiamo poco. Questo non è giusto. Inoltre, anche le persone che vivono da sole sarebbero sollevate".

I promotori, tuttavia, vogliono solo ridurre il budget della SSR. Le 34 stazioni radio e TV private riceverebbero lo stesso contributo di oggi. Hanno anche calcolato che se la loro iniziativa passasse, le entrate della SSR scenderebbero a 612 milioni di franchi all'anno, ovvero la metà delle attuali entrate del canone, più 200 milioni di franchi dalla pubblicità, dalle sponsorizzazioni e da altre fonti.

Guarda anche 

L'Assemblea nazionale francese vota la soppressione del canone radiotelevisivo

La Francia si avvicina all'abolizione del canone radiotelevisivo, già promessa in campagna elettorale del presidente Emmanuel Macron. Il testo presentato da...
24.07.2022
Mondo

"10 milioni di abitanti sono troppi", l'UDC pensa a un'iniziativa per frenare la crescita demografica

L'Ufficio federale di statistica (UST) stima che, se la crescita rimarrà costante, la Svizzera avrà più di dieci milioni di abitanti nel 2040. A ...
03.06.2022
Svizzera

Lanciata la raccolta firme per ridurre il canone radiotelevisivo a 200 franchi

Il comitato dell'iniziativa "200 franchi bastano!", che mira a ridurre il costo del canone radiotelevisivo in Svizzera a un massimo di 200 franchi all'a...
31.05.2022
Svizzera

Lanciata un'iniziativa per un "servizio cittadino" obbligatorio per tutti

Tutti i cittadini svizzeri, siano essi uomini o donne, dovrebbero svolgere un qualche tipo di servizio obbligatorio a favore della comunità. È questo l&#...
26.04.2022
Svizzera