Svizzera, 25 febbraio 2022

A beneficio dell'AI, va a vivere in Thailandia senza dire niente a nessuno

Un cittadino svizzero di 30 anni è dovuto comparire in tribunale a Basilea giovedì perchè aveva ricevuto per più di due anni prestazioni sociali senza informare le autorità competenti che viveva in Thailandia. L'accusato avrebbe ingannato l'Ufficio di sicurezza sociale di Basilea nascondendo il fatto che aveva trascorso 241 e 232 giorni in Thailandia nel 2017 e 2018. Questo è stato fatto con l'intenzione di arricchirsi illegalmente, secondo il pubblico ministero. Il cantone avrebbe subito una perdita di quasi 39'000 franchi.

L'accusa non specifica dove e in quali condizioni l'imputato ha vissuto in Thailandia. Anche le sue intenzioni e motivazioni non sono descritte in dettaglio. Tuttavia, il documento afferma che l'imputato era in contatto regolare con le autorità e che non ha mai rivelato il suo luogo di residenza. Il pubblico ministero ritiene che abbia ingannato le autorità facendo credere che aveva ancora diritto ai benefici. Per questo motivo, l'accusa ha chiesto una pena detentiva di 60 giorni sospesa e una multa di 180 aliquote giornaliere di 60 franchi sospesa per frode. 


L'imputato, in AI dal 2016, ha un partner in Thailandia. Entrambi hanno una bambina. Follemente innamorato della sua ragazza, si era quindi trasferito nel 2017. Un anno dopo è rimasta incinta. Chiamato alla sbarra, ha dovuto rispondere alla domanda del tribunale se sapeva che doveva dichiarare il suo soggiorno all'estero per più di tre mesi per anno civile. "L'avevo in parte in mente", ha detto l'imputato. "Semplicemente non hai letto il modulo, perché avresti dovuto saperlo. È scritto sulla stessa pagina della tua firma", ha concluso il giudice. Alla fine gli è stata data una pena sospesa di 60 aliquote giornaliere a 30 franchi. L'uomo dovrà inoltre rimborsare quanto ricevuto erroneamente negli scorsi anni.

Guarda anche 

Avevano bloccato il traffico, ecoattivisti vengono assolti: “È libertà d'espressione”

Condannati in prima istanza, un gruppo di ecoattivisti che aveva bloccato il traffico a Losanna è stato assolto da ogni accusa durante il processo di appello. L...
30.09.2022
Svizzera

Riceve 1'800 franchi di multa per aver segnalato dei radar e dei controlli di polizia

Tra febbraio e maggio 2021, un uomo allora 29enne residente a Winterthur (ZH) aveva annunciato cinque controlli di velocità e del traffico da parte della polizi...
29.09.2022
Svizzera

Condannato per frode, non viene espulso perchè il suo QI è troppo basso

La lista di crimini di un 25enne kosovaro recentemente comparso in tribunale a Winterthur è lunga. Il suo fascicolo è lungo 77 pagine, che descrivono pri...
28.09.2022
Svizzera

Manda i figli nel suo paese d’origine e poi chiede gli assegni familiari

Manda i suoi paese in Bosnia e poi li iscrive al controllo abitanti per ricevere le prestazioni assistenziali. Nel settembre 2019, dopo la partenza per la Bosnia dei suoi...
27.09.2022
Svizzera