Svizzera, 19 gennaio 2022

Dieci anni dopo i fatti un ladro ultraviolento viene condannato

Dieci anni dopo i fatti, il brutale pestaggio di una donna durante un banale furto a Ginevra ha portato alla condanna di un colpevole. Uno zingaro rumeno di 46 anni, analfabeta, che per sua stessa ammissione aveva rubato rame e cavalli fin dall'infanzia, è stato condannato a sei anni e mezzo di prigione per furto aggravato. Cinque connazionali, suoi cugini in varia misura, presenti al momento dei fatti e condannati nel 2013 per altri reati, lo avevano tutti indicato come l'autore di questp episodio di violenza.

Il sospetto, arrestato alla frontiera ungherese nel 2020 e poi estradato in Svizzera, se non nasconde nulla della sua vita di rapine nega con insistenza di essere stato l'autore del pestaggio. Non avrebbe mai messo piede in Svizzera e nell'ottobre 2011 si trovava in Romania, insiste. Inoltre, sarebbe contrario lla violenza, a differenza dei suoi cugini. "Sono dei rapinatori, si chiamavano gli svizzeri, parlavano di donne anziane alle quali strappavano i gioielli e compravano auto e case con l'oro". Lo avrebbero accusato per vendetta: "Ero in conflitto con un cugino. Ho detto a un altro uomo che poteva prendere sua moglie e farla prostituire". Questo sarebbe successo intorno al 2015, sostiene.

Per il suo avvocato, in assenza di qualsiasi prova materiale (nessuna immagine, DNA o impronte digitali, e la denunciante non ha identificato il suo aggressore), questo è "un classico caso di parola contro parola", dove la presunzione di innocenza è stata "violata per troppo tempo". Si dice che i cugini si siano accordati su una versione conveniente, che li scagiona da qualsiasi violenza. "Per i delinquenti professionisti riconoscere i fatti minori e negare quelli più gravi è una manovra intelligente". Motivo per cui ha chiesto l'assoluzione del cliente.

Il procuratore da parte sua ha chiesto 8 anni per rapina aggravata, sottolineando la "crudeltà inaudita" di un uomo che era guidato da "un bisogno sadico di violenza". Lei respinge la teoria della vendetta. La prova? I cugini si sono tutti autoincriminati, hanno dato gli stessi nomi e non hanno parlato spontaneamente. Soprattutto, le loro denunce sono avvenute anni prima del presunto episodio di "furto" e di prostituzione della moglie. Come lei, i giudici li hanno trovati "coerenti e costanti", e quindi credibili.

Guarda anche 

Ruba il gatto del vicino perché credeva fosse il suo, viene denunciata e condannata

La giustizia vodese si è dovuta chinare su una singolare vicenda concernente due proprietari di gatti di Montreux. Una donna ha rubato il gatto del suo vicino e si...
14.05.2022
Svizzera

Aveva accecato il pilota di un Super Puma con un laser, rischia l'espulsione

Nel febbraio dello scorso anno, un elicottero Super Puma delle Forze aeree svizzere si trovava in volo di addestramento sopra il lago di Walen, tra il canton San Gallo e ...
09.05.2022
Svizzera

Ospite di un centro sociale ne uccide un altro, condannato a cinque anni di carcere e espulsione

Due clandestini ospiti di un centro sociale di Losanna erano venuti alle mani nel 2020 in un parcheggio di Ouchy, presso la capitale vodese, finchè uno dei due ha ...
07.05.2022
Svizzera

Condannato per aver abusato della figlia della moglie, non verrà espulso

Per anni ha abusato sessualmente della figliastra, rovinandone l'infanzia. L'uomo, un cittadino congolese ormai sessantenne, non si è nemmeno presentato al...
01.05.2022
Svizzera