Svizzera, 11 gennaio 2022

Richiedente l'asilo torturato perchè sospettato di essere una spia turca

Un richiedente l'asilo turco residente nel canton Berna è stato torturato da quattro curdi nel mese di maggio 2019 perchè sospettato di essere una spia della Turchia. Secondo quanto riporta il "Sonntags Zeitung", citando fonti di giustizia, i quattro avrebbero ferito e rinchiuso il richiedente l'asilo nella cella frigofera di un ristorante di Bienne (BE). L'uomo, allora 37enne, era sospettato di essere una talpa per la Turchia. I quattro sospetti sono stati successivamente arrestati e da allora si trovano in detenzione preventiva.

Il pubblico ministero del Giura bernese ha presentato una denuncia contro i quattro presunti torturatori. Sono accusati di rapimento, tentata coercizione e lesioni personali, riferisce sempre la "Sonntags Zeitung".

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la vittima è stata presumibilmente picchiata e minacciata di morte per sei ore "in nome del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK)". I
sospetti hanno riferito che avrebbero "rotto tutte le sue ossa, smembrato e lasciato nel congelatore fino al giorno dopo". Si dice che la vittima sia stata chiusa nel congelatore due volte, per dieci minuti, a piedi nudi. L'obiettivo era quello di estorcergli una confessione.

Il 37enne richiedente asilo, che lavorava come pizzaiolo nel ristorante di Bienne, avrebbe spiato il proprietario curdo e fornito informazioni del suo padre e del fratello alle autorità turche. Entrambi sono stati successivamente arrestati durante una visita in Turchia. La cronologia delle discussioni sul cellulare della vittima avrebbe attestato questo tradimento. Il proprietario del ristorante è a sua volta perseguito dalla procura federale per spionaggio.

Si ritiene che un totale di sei persone abbiano partecipato a questo atto barbarico. Uno di loro non poteva essere identificato. Il capobanda, un membro di alto livello della sezione svizzera del PKK, è in fuga.

Guarda anche 

Quattro attivisti a processo per uno striscione che incita a uccidere Erdogan

Quattro attivisti appartenenti alla sinistra radicale sono accusati di aver esposto uno striscione con la scritta "Kill Erdogan" ("Uccidete Erdogan") ...
18.01.2022
Svizzera

L’HCL non si sblocca: è un 2022 da 0 in classifica

LUGANO – Non c’è proprio nulla da fare: la pausa natalizia, condita dal covid che ha condizionato e non poco la ripresa delle attività, ha inter...
17.01.2022
Sport

Deve rimborsare l'assistenza con i soldi ricevuti in eredità

Chi riceve soldi in eredità può essere chiamato a ripagare i debiti con lo stato. Come riportato dalla "Berner Zeitung", per 20 anni un uomo resid...
04.01.2022
Svizzera

“La rinascita del Viganello parte dal settore giovanile”

VIGANELLO - Viganello, una società che ha avuto un gran peso nella storia cestistica luganese e nazionale. Una società che ha vissuto momenti indimenti...
20.12.2021
Sport