Sport, 05 gennaio 2022

«Non tutti sono Novak Djokovic». La polemica in Australia non intende calmarsi

Lo Slam australiano, nel frattempo, rifiuta un giocatore non vaccinato

MELBOURNE (Australia) – Negli ultimi giorni è sicuramente uno dei temi più discussi in ambito sportivo e non solo: la scelta di far partecipare Novak Djokovic agli Australian Open non è andata giù a diversi e, anche sui social, lo scontro è stato netto tra i pro vaccino e i no vax. Il tennista, infatti, è sempre stato restio nei confronti del vaccino anti covid, ma è stato comunque accettato da Tennis Australia grazie a un’esenzione vaccinale, dovuta a presunti problemi del serbo, che – a onor del vero – lo stesso Nole farebbe bene a chiarire per rendere più limpida la sua immagine e quella della federtennis australiana.
 
Sono in tanti ad apparire perplessi in merito a questo annuncio e c’è chi vuole maggiori garanzie anche in merito alle pari opportunità dei vari tennisti. In Australia, infatti, è stato messo in atto un precedente pesante e nelle ultime ore si è palesato un pesante paragone.
 
Gli organizzatori del primo Slam stagionale, infatti, hanno rifiutato un tennista non munito di vaccino:
il giovane talento Aman Dahiya, 17enne indiano, doveva partecipare agli Australian Open 2022. La legge indiana non prevedeva il vaccino per gli Under 18 – soltanto in questi giorni le cose sono cambiate –  e solo per questo motivo Dahiya non si è vaccinato. Gli organizzatori, però, non hanno voluto sentire ragioni e l’agente del tennista non si è tirato indietro: “Aman ha ottenuto il visto per l’Australia, ma gli organizzatori sono stati decisi e non ne hanno voluto sapere, i vaccinati non potevano entrare. Abbiamo spiegato che in India non era legale vaccinare gli Under 18, ma è stato inutile”.
 
Un caso che stride completamente con quanto invece avvenuto con Novak Djokovic, anche se il direttore del torneo, Tiley, ha affermato che "26 giocatori o membri dello staff hanno ricevuto l'esenzione". Emblematiche anche le parole di Jamie Murray, fratello di Andy e doppista britannico rilasciate ai margini dell’ATP Cup: “Se non mi fossi vaccinato, credo che l’esenzione medica non l’avrei ottenuta…”.

Guarda anche 

Ecco il documentario su Federer: un modo per salutarlo e ricordare le sue gesta

LUGANO – Il prossimo 20 giugno, su Amazon Prime, sarà disponibile il documentario relativo a Roger Federer: “Federer: gli ultimi dodici giorni”. ...
13.06.2024
Sport

GALLERY – Marta Kostyuk infiamma Parigi… e i social

PARIGI (Francia) – Il suo Roland Garros, nel torneo di doppio, in coppia con la rumena Gabriela Ruse, si è interrotto in semifinale, al cospetto della coppia...
11.06.2024
Sport

Sinner è il numero 1, ma Alcaraz riscrive la storia

PARIGI (Francia) – Il Roland Garros è riuscito nell’impresa di entrare nella storia del tennis per diversi motivi. Prima di tutto perché, a part...
10.06.2024
Sport

Sinner e la vetta Atp sulle orme di Nadal e di Re Roger

PARIGI (Francia) – C’è attesa per le due semifinali del Roland Garros maschile che si disputeranno domani (oggi tocca a quelle femminili). Se da una pa...
06.06.2024
Sport

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto