Sport, 20 dicembre 2021

Lugano, che scoppola: il 2021 finisce malissimo

Pesantissimo il 5-0 subito in casa contro l’YB: i bianconeri, per la prima volta sotto la guida di Croci-Torti, non ci hanno capito davvero nulla

LUGANO – Credere che quello “visto” ieri a Cornaredo contro l’YB sia lo stesso Lugano visto fin qui in stagione risulta davvero complicato. Sì perché se in questa prima parte di stagione i bianconeri, superando mille difficoltà soprattutto fuori dal campo, hanno fatto benissimo, ieri al cospetto dei gialloneri, giunti in Ticino con fame, rabbia, ma comunque con le spalle al muro e costretti a vincere, non ci hanno capito nulla.
 
Lo 0-5 finale è abbastanza eloquente. Una partita che in realtà è durata 21’, giusto il tempo di vedere Abubakar non riuscire a trovare l’impatto col pallone in apertura e di assistere alle prime due reti ospiti firmate da uno scatenato Seibatcheu, autore addirittura di quattro marcature (compreso un rigore molto discutibile)!
 
Quando ci sono queste partite diventa anche difficile analizzare e commentare la sfida, perché una sfida in realtà
non c’è mai stata. Maric, Hajrizi, Lavanchy, Daprelà e Saipi davvero non ci hanno capito nulla, non sono mai riusciti a prendere i rispettivi avversari, facendo semplicemente il solletico ai campioni svizzeri in carica. Ma da una parte è meglio così: meglio prendere una manita tutta insieme che incassare una rete per cinque sfide consecutive, ma quello che preoccupa è il fattore mentale.
 
Croci-Torti (che la società gli dia una mano sul mercato, per favore!) dovrà essere bravo a resettare la testa dei suoi: dopo un 2021 ottimo, chiudere l’anno solare in questo modo non è sicuramente il massimo e dover attendere così tanto tempo per tornare in campo – con la possibilità di ripensare e rimuginare sulla sfida contro l’YB – potrebbe anche essere decisamente controproducente. Ma resta il fatto che quanto il Lugano è stato in grado di fare fin qui, non va certo dimenticato.

Guarda anche 

Il Lugano si inchina: ora servirebbe l’impresa

LUGANO - 20 anni di attesa per 90’ senza vere occasioni da rete (e 2 gol subiti). Potremmo sintetizzare così quanto visto ieri sera a Cornaredo dove il Lugan...
05.08.2022
Sport

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Bottani illumina, il Lugano non brilla ma rialza la testa

WINTERTHUR – Per il calcio spettacolo, prego ripassare (non che l’anno scorso il Lugano fosse spumeggiante, in effetti), ma viste le prime due sconfitte in ca...
01.08.2022
Sport