Sport, 03 dicembre 2021

Ibra a 360 gradi, dalla timidezza agli avversari che entrano per far male

Zlatan Ibrahimovic era un ragazzo timido con le ragazze e isolato quando era bambino perchè diverso. Ricorda la nascita dei figli come la più grande emozione e quando uno dei due aveva nostalgia di lui voleva lasciare il calcio per raggiungerlo. 

Da un'intervista al Corriere della Sera emerge un calciatore inedito e lontano da quello che si conosce, ma poi torna il personaggio noto a tutti: se è arrabbiato gioca meglio rispetto a quando è felice, non pensa in svedese perchè è
una lingua troppo gentile.

Il campione si è raccontato, tornando alla morte del fratello di leucemia e alle lacrime versate dal padre da solo al cimitero. Il papà aiutava i rifugiati e soffriva per la guerra, ha detto lo svedese. Che dell'esperienza a Sanremo cita Amadeus che gli disse di guidare anche se era nervoso, di Berlusconi dice che è simpatico, 

Degli avversari, Maldini sapeva come far male ma lo evitava, mentre Materazzi entrava da dietro per far male. 

Guarda anche 

I premi per il Mondiale? Tutti in beneficenza

MONACO DI BAVIERA (Germania) – Il Canada, per la prima volta da Messico ’86, si è qualificato per il Mondiale di calcio che si terrà da novembre...
05.08.2022
Sport

Altro primato per CR7: è il più insultato sui social

MANCHESTER (Gbr) – Che voglia lasciare lo United, vista l’assenza della Champions League e il rapporto non idilliaco col neo tecnico Ten Hag, è cosa no...
04.08.2022
Sport

Lo sport ticinese fa gli auguri alla Svizzera

LUGANO – Un’immagine di Mattia Croci-Torti durante i festeggiamenti per la vittoria della Coppa Svizzera con tanto di bandiera elvetica in mano, un’altr...
01.08.2022
Sport

Niente vaccino, niente US Open. Djokovic: “Non so ancora se ci sarò”

BELGRADO (Serbia) – Tra meno di un mese inizierà l’US Open e, forte della vittoria a Wimbledon e con lo smacco della sconfitta subita in finale l&rsquo...
02.08.2022
Sport