Ticino, 18 marzo 2021

Anche in Ticino si celebra la Giornata mondiale del riciclaggio

Il Dipartimento del territorio e l’Azienda Cantonale dei Rifiuti comunicano che oggi, 18 marzo ricorre la Giornata mondiale del riciclaggio. Giunta alla sua 3° edizione, la giornata mira a porre l’accento sul ruolo centrale del riciclo per la protezione delle risorse e del clima. Se da un lato la Svizzera figura ai primi posti della (triste) classifica mondiale per la produzione di rifiuti (oltre 700 kg all’anno pro capite), è altrettanto vero che primeggia nel mondo per la percentuale di riciclaggio effettivo delle varie tipologie di rifiuti raccolte separatamente.

Un primato reso possibile grazie all’efficacia della separazione alla fonte, presso le economie domestiche, che ha sostituito gradualmente quello che sino a qualche decennio fa era chiamato “il secchio misto”. Questa importante suddivisione permette una raccolta separata di qualità che facilita il riciclaggio delle differenti frazioni nelle successive fasi della filiera, a beneficio di un’economia circolare di riciclaggio. In Ticino, secondo i dati del 2019, la percentuale delle raccolte separate si è attestata al 51,1%, allineandosi con quella federale (53%).

In considerazione del fatto che lo scorso anno il principio di causalità (tassa sul sacco) non era ancora applicato alla totalità dei Comuni ticinesi, è presumibile che vi sarà un ulteriore aumento nei dati inerenti le raccolte separate per l’anno 2020. A tal proposito si fa notare che, rapportandoli al 2019, i rifiuti solidi urbani (RSU) nel 2020 sono diminuiti di ben 6'943 tonnellate (-8,8%), per un totale di 71'860 tonnellate di apporti presso l’Impianto cantonale di termovalorizzazione dei rifiuti di Giubiasco. Negli ultimi 15 anni vi è stata una notevole diminuzione degli RSU pari al 27,9%; segnale questo di accresciuta sensibilità ambientale, supportata da un’ampliata possibilità di raccogliere separatamente le varie tipologie di rifiuto prodotto principalmente presso le economie domestiche. In Ticino, dal 1989 al 2019, le raccolte separate sono passate dalle 26'431 alle attuali 161'617 tonnellate (dato comprensivo sia delle economie domestiche sia delle imprese di smaltimento rifiuti). Per quanto concerne le singole categorie, occorre precisare che il 91,3% appartiene alle raccolte separate della carta e del cartone, delle bottiglie in vetro, del legname usato e degli scarti vegetali.

Nei decenni passati il Ticino ha investito e si è impegnato molto nell’educazione ambientale, raggiungendo importanti traguardi. Va inoltre evidenziato l’importante lavoro svolto dai Comuni e dai Consorzi; le strutture presenti oggi sul territorio (ecocentri, ecopunti, ecc.) rispondono infatti sempre più alle esigenze dei cittadini in materia di raccolte separate. Un ulteriore miglioramento in questo ambito deve rappresentare un obiettivo comune, ma è altrettanto essenziale che vi sia una sensibilità e una consapevolezza collettiva rispetto ai cosiddetti “acquisti intelligenti”. Il miglior rifiuto è e rimane quello non prodotto.

Guarda anche 

Giù i premi di cassa malati nel 2022: è la prima volta dal 2008

Nel 2022 l’onere dei premi dell’assicurazione malattie per le economie domestiche svizzere diminuirà nettamente. Questo calo si giustifica con la di...
28.09.2021
Ticino

Morto il ciclista investito a Lamone

LAMONE – La Polizia cantonale comunica che l'81enne ciclista svizzero domiciliato nel Luganese, vittima dell'incidente avvenuto il 14.09.2021 (vedi articoli...
28.09.2021
Ticino

Mendrisio, San Martino si inchina al Coronavirus: annullata l'edizione 2021

Game over, anche per quest’anno. La storica fiera di San Martino a Mendrisio, in programma dall’11 al 14 novembre, si arrenda di nuovo al Covid. Lo ha comu...
28.09.2021
Ticino

Lugano, "Sesso, droga e... schiamazzi: e nessuno vuole intervenire"

*Articolo dal Mattino della Domenica Il centro di Lugano, ed in particolare la zona fra via al Forte e la sede della ex banca nazionale, è sempre stato un luogo...
27.09.2021
Ticino