Svizzera, 15 febbraio 2021

Sì all’iniziativa anti burqa: “Difendiamo le nostre libertà”

Norman Gobbi si esprime sulla votazione federale del 7 marzo

Presidente, si sta avvicinando la votazione del 7 marzo sull’iniziativa contro la dissimulazione del viso. Ma per ora in Ticino il dibattito langue… “È vero, la gente in queste settimane pensa ad altre cose. Ed è comprensibile che sia così. I problemi legati al coronavirus sono importanti e ci toccano tutti da vicino. Molta gente fa fatica. Alcuni settori economici, come quelli legati alla ristorazione o ai piccoli commerci, sono colpiti duramente. E c’è chi a fine mese – ma già anche all’inizio! – si trova confrontato con difficoltà evidenti”.

Però non possiamo nemmeno lasciar passare in sordina questo voto. “No, perché si tratta di un momento comunque importante della nostra democrazia e del nostro vivere civile. In Ticino per fortuna abbiamo già una legge che vieta di nascondere con indumenti o altro il proprio volto, a parte ovvie e ragionevoli eccezioni. Lo abbiamo deciso già 8 anni fa con la modifica della nostra costituzione cantonale. Anche allora erano in pochi che apertamente sostenevano questa modifica. La Lega invece era convinta della necessità di lanciare un forte segnale a difesa della nostra società contro
il pericolo dell’islamizzazione. Ci seguì una forte maggioranza delle e dei ticinesi. Ben il 65,4%! Ora questa impostazione vuole essere traslata sul piano nazionale. Molto bene, dico io. Perché non si tratta di un messaggio di chiusura, come vorrebbero far credere gli oppositori dell’iniziativa. Tutt’altro. Si tratta di avere piena coscienza del funzionamento del nostro stato di diritto, della sua difesa a garanzia della democrazia, oggi e domani”. 

Anche questa volta ci stanno mettendo in testa che chi vota sì all’iniziativa sta facendo qualcosa di sbagliato… “È l’esempio classico del “politicamente corretto”. Pur di non fare un presunto torto (tutto ancora da dimostrare se di torto si tratti) è meglio lasciar perdere e tollerare anche azioni che portano – potenzialmente – ad attacchi alla nostra stessa libertà e democrazia. Sappiamo che il niqab o il burqa non sono simboli religiosi. Per questo reputo incoerente sotto il profilo della libertà religiosa chi giustifica questi indumenti che cancellano completamente l’identità di una donna. Siamo chiamati il 7 marzo a dare ancora una volta un messaggio preventivo. E questo non va contro quei cittadini di fede musulmana che accettano – nel segno della convivenza – i nostri usi e costumi, dimostrando da questo lato una vera volontà di integrazione”, conclude il Consigliere di Stato Norman Gobbi.

MDD

Guarda anche 

L'Italia vuole rimandare in Svizzera l'accoltellatore di Rimini, Gobbi: "Boutade fantasiosa ma grave"

Secondo quanto riferito dal Corriere del Ticino ieri sera, l'Italia si appresterebbe a rimandare in Svizzera dell somalo 26enne che lo scorso sabato ha accoltellato c...
16.09.2021
Svizzera

Torna il solito Nekkaz: “A me tutte le multe per burqa, ne ho già pagate più di 1000”

Uscito dalle carceri algerine lo scorso 19 febbraio dopo 443 giorni di detenzione, l’imprenditore e politico Rachid Nekkaz è tornato a far sentire la sua voc...
11.03.2021
Svizzera

"Il Consiglio federale difenda la decisione degli svizzeri di vietare il burqa"

Dopo che l’Alto Commissariato per i diritti umani dell’Onu ha “deplorato profondamente” l’approvazione dell’iniziativa contro la dissi...
09.03.2021
Svizzera

Convertita all'Islam, ha lasciato la Svizzera perchè non può più portare il burqa

È nata e cresciuta a Lucerna. Ma non intende mettere mai più piede in Svizzera. Umm Rufayda, al secolo Valentina Weiss, è una cittadina elvetica spos...
09.03.2021
Svizzera