Svizzera, 15 febbraio 2021

"La Svizzera ha ignorato le nostre offerte di un vaccino"

L'UFSP ha ignorato le offerte russe del vaccino Sputnik? Secondo l'ambasciatore russo in Svizzera, citato domenica dai media svizzeri, l'UFSP ha ignorato per due volte delle proposte di Mosca di mettere a disposizione della Svizzera il suo vaccino Sputnik. In un'intervista Sergei Garmonin ha detto di essersi rivolto per la prima volta all'UFSP il 17 agosto per annunciare che un vaccino efficace era stato sviluppato in Russia e che era possibile preordinarlo, produrlo o addirittura testarlo clinicamente in Svizzera. L'UFSP non ha mai risposto.

Mosca ci ha poi riprovato il 22 dicembre. "Abbiamo nuovamente informato l'UFSP che la terza fase dei test era stata completata, che l'efficacia del vaccino era superiore al 90%, che il suo prezzo era di circa dieci dollari per scatola e che poteva essere conservato tra i 2 e gli 8 gradi", sostiene Garmonin. "Abbiamo nuovamente indicato che siamo pronti a considerare la possibilità di un pre-ordine per la Svizzera e abbiamo ribadito le nostre offerte", aggiunge. Ancora una volta, Berna ha ignorato la proposta russa senza nemmeno rispondere.

Garmonin spiega questa mancanza di interesse da parte della Svizzera con lo scetticismo generale che prevaleva all'inizio degli annunci di Mosca sul suo vaccino. Ma questo atteggiamento è cambiato con la pubblicazione della prestigiosa rivista scientifica "The Lancet" all'inizio di febbraio di uno studio secondo cui il vaccino russo Sputnik V offre una protezione stabile ed efficace contro il coronavirus senza effetti collaterali.

I commenti dell'ambasciatore russo contraddicono quindi quelli di Swissmedic, la quale all'inizio della settimana aveva dichiarato alla stampa che la Russia non ha mai fatto proposte alla Svizzera e che Berna non ha ricevuto alcuna domanda di autorizzazione alla commercializzazione di un vaccino da parte di produttori russi. "Come ho detto, abbiamo segnalato due volte la nostra volontà di entrare in trattative", persiste Sergei Garmonin. "Ma prima di presentare qualcosa, bisogna prima discutere le basi. La Russia ha informato la Svizzera per tempo e con tempestività. La palla è ora nel campo della Svizzera.

Una cosa è certa: l'atteggiamento dell'UFSP verso la Russia è criticato
da tutte le parti. "Non rispondere è un'assurdità per un'organizzazione come l'UFSP in tempi di crisi. Ha il dovere di esaminare tutte le offerte di vaccino e di aiutare i produttori a presentare una domanda il più rapidamente possibile", dice Andreas Faller, avvocato specializzato in diritto sanitario ed ex vice direttore dell'UFSP. "Sarebbe imperdonabile non esaminare tutte le possibilità quando si acquistano i vaccini".

Anche dal parlamento piovono critiche. "L'approccio dell'UFSP mi sconvolge completamente", dice la consigliera nazionale UDCTherese Schläpfer, citata da "20 Minuten". "La corsa ai vaccini è enorme. Non rispondere a un'offerta è irrispettoso nei confronti della Russia e della popolazione svizzera.


Anche il consigliere nazionale verde-liberale Martin Bäumle è molto critico: "Se le informazioni dell'ambasciatore russo sono corrette, e se la Svizzera ha già ricevuto un'offerta per il vaccino Sputnik V in agosto e non ha mai risposto, questo sarebbe un altro errore grossolano dell'UFSP nel dossier della vaccinazione, che difficilmente può essere giustificato.
Critiche anche dal PLR, con il consigliere nazionale bernese Christian Wasserfallen che se dice non voler giudare l'UFSP ritiene che lo Sputnik V avrebbe dovuto essere esaminato. "Se si escludono i vaccini dall'inizio, non si è ben serviti dopo", sottolinea.

A sinistra sono invece più comprensivi. "Naturalmente, non rispondere non è corretto. Ma non dobbiamo dimenticare l'elevato carico di lavoro dei collaboratori dell'UFSP. Quello che i dipendenti stanno facendo da quasi un anno è sovrumano", dice la consigliera nazionale dei Verdi Katharina Prelicz-Huber.

Infine, per la copresidente del Partito Socialista, Mattea Meyer, il dibattito sul vaccino russo non è la questione centrale. "In Svizzera, come nel resto del mondo, il maggior numero possibile di persone dovrebbe essere vaccinato", dice. Questo obiettivo sarà raggiunto solo se i brevetti sui vaccini saranno temporaneamente revocati. "Allora si potrebbero produrre più vaccini e vaccinarli più rapidamente ovunque.

Guarda anche 

Niente vaccino, niente US Open. Djokovic: “Non so ancora se ci sarò”

BELGRADO (Serbia) – Tra meno di un mese inizierà l’US Open e, forte della vittoria a Wimbledon e con lo smacco della sconfitta subita in finale l&rsquo...
02.08.2022
Sport

Prima il covid, poi la guerra. Lei ucraina, lui canadese: marito e moglie non si vedono dal 2019

KIEV (Ucraina) – Una cosa da non credere. Una storia che ha dell’incredibile: marito e moglie separati da due anni e mezzo prima dal covid, poi dalla guerra. ...
14.07.2022
Magazine

Gazprom chiude due gasdotti "per manutenzione", inquietudine in Europa

La Germania e diversi paesi europei sono nell'incertezza riguardo alla fornitura di gas dalla Russia dopo che Gazprom ha chiuso due gasdotti che riforniscono il nord ...
11.07.2022
Mondo

"Con le sanzioni alla Russia, la nostra sicurezza è gravemente minacciata"

Per il Consigliere nazionale zurighese Roger Köppel e editore del settimanale Weltwoche le sanzioni dell'occidente, a cui anche la Svizzera ha aderito, rappresen...
11.07.2022
Svizzera