Svizzera, 26 dicembre 2020

Chiede asilo in Svizzera poichè "socialista"

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso presentato dallo studio legale Ravi di Lugano per conto di un cittadino turco che aveva chiesto asilo politico in Svizzera poiché “socialista”.
 
L’uomo, di etnia curda, è entrato illegalmente in Svizzera il 7 luglio 2020 e lo stesso giorno ha presentato una domanda d’asilo presso il centro di registrazione di Chiasso. Ha raccontato di avere subito delle pressioni in patria dopo “essersi avvicinato alle idee socialiste e al Partito della Libertà e della Solidarietà (ÖDP)”.

Tra i vari “soprusi” subiti, sarebbe stato “fermato dalle forze dell’ordine e costretto ad ammettere di aver imbrattato un muro”, avrebbe “subito percosse” e avrebbe “subito dei controlli” all’università, “in quanto membro degli oppositori dell’ÖDP”. Sarebbe quindi fuggito dalla Turchia, sempre stando al suo racconto, dopo aver sentito delle persone inveire contro il comunismo e persino degli spari. Temendo per la propria incolumità, è quindi espatriato.

 Ma non basta essere socialista per ottenere lo statuto di rifugiato in Svizzera. La SEM ha ritenuto “irrilevanti” i motivi d’asilo addotti dall’uomo. E così pure il TAF, che nella sentenza pubblicata in questi giorni scrive che “nel contesto turco la sola appartenenza ad un partito legale così come la partecipazione ad attività organizzate da tali raggruppamenti non giustifica un timore fondato di esposizione a persecuzioni con rilevanza per l’asilo”.

“Lo scopo dell’asilo – ricorda ancora il TAF - non è quello di garantire protezione a tutte le vittime di ingiustizie, ma solo a coloro che hanno subito una violazione della loro libertà o integrità fisica di una certa intensità”. Il ricorso presentato dallo studio legale Ravi è quindi stato respinto e le spese giudiziarie di 750 franchi poste a carico del ricorrente.

Guarda anche 

La Svizzera dovrà dare all'Italia i dati bancari di due contribuenti italiani

Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto il ricorso di due contribuenti italiani che si opponevamo alla trasmissione dei loro dati bancari a Roma. Questa ri...
15.01.2021
Svizzera

Condannato sia in Italia sia in Svizzera, ma il TRAM lo perdona

Aveva omesso di segnalare nell’autocertificazione di essere già stato condannato in Italia a una pena di 20 mesi di reclusione. In più durante la sua ...
14.01.2021
Ticino

La vittima della sparatoria di Giornico deve tornare a casa sua

Dovrebbe lasciare la Svizzera il 32enne richiedente l’asilo pachistano che nel 2017 rimase ferito in una sparatoria nei boschi sopra Giornico. Il Tribunale amminist...
14.01.2021
Ticino

"La tassa militare è discriminatoria", la Svizzera condannata dalla CEDU

La Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) si è pronunciata a favore di un cittadino svizzero ritenuto inabile al servizio che si era opposto alla tassa mil...
12.01.2021
Svizzera