Svizzera, 12 novembre 2020

Aveva strangolato la moglie nel sonno, condannato a 13 anni di carcere e espulsione

Aveva strangolato la moglie nell'ottobre 2016 nella loro casa di Bronschhofen, nel canton San Gallo. Dopo aver ricorso contro la sua condanna fino al Tribunale federale, la massima istanza giuridicata ha infine confermato la sua pena a 13 anni di carcere a cui seguirà l'espulsione dal territorio svizzero.

L'uomo, un cittadino russo che all'epoca dei fatti aveva 44 anni, è stato anche condannato a pagare 850'000 rubli (circa 13'600 franchi) come indennità e 20'000 franchi come risarcimento per i danni morali alla figlia della coppia.

In una sentenza pubblicata mercoledì, il Tribunale federale ha respinto tutte le richieste del ricorrente. In particolare, il ricorrente aveva contestato il tribunale di San Gallo per aver fatto affidamento su una perizia basata in parte su una prima perizia che era stata respinta per vizi di forma: il soggetto non era stato informato del suo diritto di rifiutarsi di rispondere alle domande del perito.

Né il Tribunale penale ha accettato l'argomentazione basata sulla mancata partecipazione dell'imputato alle udienze di più persone. Tale obiezione avrebbe dovuto essere presentata al più tardi in appello presso il Tribunale cantonale di San Gallo. A livello di Tribunale federale tale argomentazione si è dimostrata tardiva.

Come nei ricorsi precedenti, il ricorrente ha messo in discussione i fatti e la valutazione delle prove. Per i giudici federali, non vi è alcuna base per una revisione arbitraria e per le conclusioni della giustizia sangallese. L'esame forense aveva rivelato tracce del DNA dell'uomo sulla gola della moglie.

I giudici sangallesi avevano trovato poco plausibile la versione del condannato secondo cui la moglie era stata strangolata da uno sconosciuto mentre dormiva nel letto matrimoniale. Al contrario, avevano ritenuto che il marito avesse strangolato la moglie perché voleva lasciarlo con la figlia, che allora aveva 5 anni, per tornare in Inguscezia, nella Russia meridionale, al capezzale della madre morente.

Guarda anche 

Tempestava l'ospedale e la polizia di telefonate, dovrà rimanere in carcere

Dovrà restare in carcere la telefonatrice seriale del canton Vaud. Il Tribunale federale ha respinto il ricorso della donna, arrestata nel febbraio scorso dopo che...
27.11.2020
Svizzera

Espulso dopo 21 condanne, cinque figli e mezzo milione di debiti

Avrebbe dovuto lasciare la Svizzera nel 2002, quando la sua domanda d’asilo era stata respinta. Ma non l’ha fatto. Ora però, dopo diciott’anni, c...
25.11.2020
Svizzera

Aveva rubato capre e galline per salvarli dal macello, dovrà pagare più di 10'000 franchi tra multe e risarcimenti

Aveva rubato delle galline e delle capre per salvarle dal macello. Un'attivista animalista è stata condannata giovedì a una multa di 100 aliquote giorna...
20.11.2020
Svizzera

Assistito espulso dopo aver incassato 230'000 franchi

Dopo aver percepito prestazioni assistenziali per 229'138.85 franchi, un cittadino turco dovrà ora lasciare la Svizzera. Lo ha stabilito il Tribunale federale ...
19.11.2020
Svizzera