Ticino, 09 ottobre 2020

Una petizione per non insabbiare gli abusi sessuali nell'amministrazione cantonale

“Facciamo luce sugli abusi sessuali nell’amministrazione Cantonale”. Si chiama così il Comitato nato su iniziativa di un gruppo di cittadini dopo la decisione del Gran Consiglio di negare l’istituzione della Commissione parlamentare d’inchiesta sul caso dell’ex funzionario DSS condannato per abusi.
 

Nel gruppo del Comitato fanno parte anche – si legge in una nota – “deputate e deputati intenzionati a non accontentarsi della risposta negativa e determinati a esplorare ulteriori vie per fare chiarezza, in un’ottica di prevenzione”.
 

“Come il giudice Villa ha sentito di dover chiedere scusa alle vittime a nome dello Stato, così anche noi non siamo soddisfatti del nulla di fatto cui è giunto il parlamento cantonale. Allora quelle giovani erano state lasciate sole, mentre lo Stato avrebbe dovuto aiutarle e difenderle. Ora di nuovo lo Stato si tira indietro quando avrebbe l’opportunità di fare chiarezza al proprio interno”, recita la nota.
 

Per questo motivo, il Comitato ha deciso di lanciare una petizione per chiedere al Gran Consiglio di adoperarsi per fare luce su quanto accaduto in seno all’amministrazione cantonale, affinché casi simili non possano più ripetersi in futuro.

Guarda anche 

Dodici positivi alla casa anziani di Brissago

Il Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) comunica che sono stati registrati dodici casi positivi all’interno di una casa per anziani. D...
31.10.2020
Ticino

404 contagi e un decesso in 24 ore

Nelle ultime 24 ore, in Ticino si registrano 404 contati da Coronavirus, quindi più di ieri. C'è stato un decesso e 33 persone sono state ricoverat...
31.10.2020
Ticino

A Lugano va in scena una protesta contro le misure anti Covid. Una giornalista colpita da una testata

"In strada e nelle carceri assassinati, nei lager ammucchiati: facile per i borghesi stare a casa tranquilli e viziati". Sono frasi forti quelle scritte e grida...
30.10.2020
Ticino

Don Guanella, due focolai portano a sette morti e 89 positivi (tra ospiti e personale)

Sette anziani, tutti definiti ultra noventenni e con patologie pregresse, sono deceduti per Covid alla casa anziani gestita dall'Opera Don Guanella di Maggi...
30.10.2020
Ticino