Svizzera, 01 ottobre 2020

Voleva aprire ditta ma dovrà prima restituire più di 260'000 franchi all’assistenza

Dopo più di nove anni di assistenza sperava di iniziare un’attività indipendente grazie a un anticipo di eredità versatogli dal padre. Invece quei soldi finiranno in gran parte allo Stato. A nulla sono valse le rimostranze dell’uomo, il cui ricorso presentato dagli avvocati Andrea Lenzin e Khouloud Ramella Matta Nassif è stato respinto dal Tribunale federale con sentenza pubblicata in questi giorni.
 
L’uomo, 55enne, era in assistenza dal gennaio 2010. L’anno scorso, in giugno, suo padre gli ha versato 320'000 franchi a titolo di anticipo ereditario, con lo scopo di aiutarlo ad iniziare un’attività indipendente. Ma una volta venuto a sapere dell’eredità l’Ufficio del sostegno sociale e dell’inserimento del Cantone Ticino (USSI) gli ha comunicato che non avrebbe potuto disporre della totalità di quell’importo. Egli avrebbe infatti dovuto dapprima saldare il debito contratto con il Cantone negli oltre nove anni passati in assistenza. In totale gli veniva quindi chiesto di rimborsare oltre 260'000 franchi.
 
Egli si è opposto presentando un ricorso al Tribunale delle assicurazioni. Ha cercato di spiegare che grazie a quell’eredità avrebbe potuto riconquistare una propria attività reddituale ed economica. Ma la Corte cantonale ha confermato la domanda di rimborso. Egli si è quindi rivolto al Tribunale federale. Ma anche in questa sede è stato confermato che l’USSI ha il diritto di chiedere il rimborso delle prestazioni assistenziali. I giudici di Losanna hanno inoltre osservato che l’avvio di un’attività non avrebbe per forza garantito l’indipendenza economica del 55enne. Il suo ricorso è dunque stato respinto. Egli, oltre a dover restituire più di 260’000 franchi, deve ora pagare anche le spese giudiziarie di 8'000 franchi.

Guarda anche 

Espulso dopo aver incassato 261'690 franchi di aiuti sociali

Un cittadino francese che durante gli ultimi dieci anni non ha né lavorato né cercato lavoro dovrà lasciare la Svizzera, insieme alla compagna algeri...
28.10.2020
Ticino

Giovane musulmana rasata a zero per una relazione con un cristiano, i famigliari andranno in carcere

I genitori, lo zio e la zia della giovane ragazza musulmana picchiata e rasata a zero perché usciva con un giovane cristiano serbo (vedi articoli correlati), sono ...
24.10.2020
Mondo

Voleva uccidere il marito dell'ex-moglie, dopo tre anni di carcere dovrà lasciare la Svizzera

Il Tribunale federale ha confermato la condanna di un cittadino originario dei balcani per atti preparatori ad atti criminali. L'uomo aveva minacciato un rivale, avev...
20.10.2020
Svizzera

A 21 anni già due tentativi di omicidio, condannata a 9 anni di carcere e espulsa per 10 anni

A 21 anni ha già alle spalle due tentativi di omicidio e per questo dovrà passare 9 anni in carcere e poi espulsa verso il suo paese d'origine. Una cond...
17.10.2020
Svizzera