Mondo, 28 settembre 2020

Armenia e Azerbaigian sull'orlo della guerra, decine di morti e centinaia di morti in scontri avvenuti domenica

L'Armenia e l'Azerbaigian erano sull'orlo della guerra domenica, dopo la ripresa dei combattimenti tra le forze azere e la regione separatista del Nagorny Karabakh, sostenuta dall'Armenia. Gli scontri hanno causato almeno 23 morti e circa 100 feriti.

La Russia, che fornisce armi ad entrambi i Paesi, cerca di mediare tra le due parti, ha chiesto che tutto sia fatto "per evitare l'escalation" e "per porre fine alle ostilità", la peggiore in questa zona contesa dall'aprile 2016, quando furono uccise 110 persone.

I due paesi asiatici si sono incolpati a vicenda per i combattimenti. Il primo ministro armeno Nikol Pachinian ha accusato il suo storico nemico di aver "dichiarato guerra al popolo armeno". Il presidente azero Ilham Aliyev da parte sua ha denunciato l'"aggressione" armena che ha promesso di "sconfiggere".

Domenica, secondo le autorità del Nagorno-Karabakh, almeno 16 soldati separatisti sono morti e più di 100 sono stati feriti. Le ostilità hanno causato anche vittime tra i civili. Yerevan ha annunciato la morte di una donna e di un bambino, mentre Baku ha annunciato la morte di una famiglia azerbaigiana di cinque persone.

Il ministero della Difesa armeno ha dichiarato che "circa 200 soldati azerbaigiani sono morti (...) e 30 veicoli corazzati e 20 droni sono stati distrutti". Queste affermazioni non erano verificabili in modo indipendente e l'Azerbaigian non ha comunicato le sue perdite militari.

Un conflitto che coinvolga l'Azerbaigian, sostenuta
dalla Turchia, e l'Armenia, vicino a Mosca, potrebbe portare all'intervento di potenze rivali nella regione del Caucaso, in Russia e in Turchia. Gli scontri intorno alla regione Nagorno-Karabakh, che cerca la separazione dall'Azerbaigian con il sostegno armeno, hanno alimentato le tensioni nella da oltre 30 anni.

Il primo ministro armeno ha denunciato l'"interferenza" turca nel conflitto già domenica. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva precedentemente promesso di aiutare Baku "con tutti i (suoi) mezzi" di fronte all'"aggressione" dell'Armenia.

Sulla scia di Mosca, la Francia, mediatrice del conflitto con la Russia e gli Stati Uniti nel quadro del gruppo di Minsk, ha chiesto la cessazione delle ostilità, così come Bruxelles e Berlino.
Nessuna delle due parti ha fornito una spiegazione dettagliata di questa esplosione di violenza. Ciascuna parte sostiene di aver risposto alle provocazioni dell'altra. Il ministero della Difesa azero ha dichiarato di aver conquistato una mezza dozzina di villaggi sotto il controllo armeno durante i combattimenti di domenica, informazione negata invece da Yerevan.

Olesya Vartanyan, un esperto dell'International Crisis Group citato dall'agenzia stampa AFP, ha ritenuto che una delle ragioni di questa nuova escalation sia stata la mancanza di una mediazione internazionale attiva dopo la crisi estiva. "Dopo il coronavirus, il conflitto è stato trascurato, senza che i diplomatici andassero a Baku e Yerevan anche dopo gli scontri avvenuti in luglio".

Guarda anche 

Scontri e disordini in Sudafrica, almeno 45 i morti

In Sudafrica scontri e disordini avvenuti negli scorsi giorni hanno causato almeno 45 morti, secondo quanto riportato dai media locali. Inizialmente innescati dall'in...
13.07.2021
Mondo

Barcellona, continuano scontri e manifestazioni per l'arresto di un rapper

Sono proseguiti durante il finesettimana gli scontri a Barcelona per l'arresto di un rapper che aveva insultato il re spagnolo. "Atti multipli di saccheggio di n...
22.02.2021
Mondo

Proteste e scontri in tutta la Francia per una nuova legge controversa sulla polizia

Erano più di centomila, 130'000 secondo il Ministero dell'Interno e 500'000 secondo gli organizzatori, a manifestare sabato in un centinaio di citt&agr...
29.11.2020
Mondo

L'Azerbaigian colpisce nuovi obiettivi in Armenia, si teme un escalation del conflitto

L'Azerbaigian ha annunciato mercoledì di aver colpito siti di lancio di missili in territorio armeno, una prima che fa temere un'escalation del conflitto n...
14.10.2020
Mondo