Svizzera, 16 luglio 2020

Richiedenti l'asilo fanno ricorso perchè non hanno ricevuto la paghetta, "giusto così"

Il Tribunale amministrativo federale ha respinto il ricorso di una famiglia di richiedenti l'asilo macedoni privati della paghetta durante il loro soggiorno in Svizzera. La pratica di rifiutare tale assistenza alle persone che non hanno bisogno di un visto d'ingresso è stata ritenuta corretta.

I coniugi e i figli avevano presentato domanda di asilo il 26 marzo 2018. All'inizio di maggio, la Segreteria di Stato per la migrazione (SEM) ha respinto la loro domanda e ne ha ordinato l'allontanamento e la famiglia ha lasciato la Svizzera il 16 maggio.

Allo stesso tempo, i richiedenti si sono lamentati di non aver ricevuto alcuna paghetta durante i 51 giorni trascorsi presso il Centro di registrazione e procedura (CEP) di Vallorbe, nel canton Vaud. Il SEM li ha informati che nelle procedure "accelerate", questo aiuto di 3 franchi al giorno non viene versato ai cittadini di Paesi esenti dall'obbligo del visto.

In una sentenza pubblicata mercoledì, il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha respinto l'argomento basato sul diritto alla vita privata e familiare garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Questo testo non richiede agli Stati firmatari di garantire determinate prestazioni finanziarie o un certo tenore di vita.

Allo stesso modo, i giudici non hanno ritenuto che non è stata rispettata una violazione del diritto costituzionale al tenore di vita minimo, come sostenevano i ricorrenti. La Corte ha rilevato che alla famiglia macedone era stata fornita assistenza durante il loro soggiorno sotto forma di alloggio, cibo, vestiti e cure mediche. Queste prestazioni in natura devono essere considerate sufficienti per le persone alloggiate in un Centro di registrazione e procedura.

La privazione della paghetta per le persone che non hanno bisogno di un visto d'ingresso è stata considerata giustificata, poiché queste richieste portano molto raramente alla concessione dell'asilo. Così, solo 3 dei 29 macedoni su 29 hanno ottenuto l'asilo nel 2019. Nel 2018 il rapporto è ancora più basso, con 5 domande accolte su 65.

In queste circostanze, hanno sottolineato i giudici del TAF, l'interesse pubblico richiede che le persone non bisognose di protezione non presentino richieste di asilo e facciano spazio a coloro ai quali è probabile che venga concesso l'asilo. È quindi giustificato scoraggiarli negando loro la paghetta.

Tuttavia, i giudici di San Gallo aggiungono che un'applicazione automatica di questa pratica potrebbe creare disuguaglianze ingiustificate. Ad esempio, nel caso di una persona proveniente da un paese libero da persecuzioni ma che potrebbe comunque rivendicare un legittimo bisogno di protezione.

Guarda anche 

Condannati in 10 per lo stupro di gruppo di una ragazza in Germania

La giustizia tedesca ha condannato giovedì otto uomini, la maggior parte dei quali rifugiati, a diversi anni di prigione per lo stupro di gruppo di una giovane don...
24.07.2020
Mondo

In provincia di Perugia decine di migranti fuggono dalla quarantena

Continua a preoccupare in Italia la gestione del sistema di asilo, complicata dalla pandemia e dalla necessità di applicare, e far rispettare, le nuove disposizion...
20.07.2020
Mondo

Se i genitori sono in disaccordo sulla vaccinazione dei figli, le autorità possono imporla

In una sentenza pubblicata mercoledì, il secondo tribunale civile ha detto che i genitori dovrebbero lavorare insieme per risolvere le questioni relative ai bambin...
16.07.2020
Svizzera

Frontaliere espulso dopo 27 anni in Ticino: "Giusto così"

Il Tribunale federale, con sentenza datata 19 giugno e pubblicata ieri, ha confermato la revoca del permesso G a un frontaliere che lavorava in Ticino dal 1988.   ...
09.07.2020
Ticino