Svizzera, 11 giugno 2020

Bambino di 8 anni arrestato per aver provato a usare una banconota finta trovata a carnevale

Una procedura di polizia di tre ore che include una perquisizione della casa, un interrogatorio e lo scatto di foto del profilo del viso. È il trattamento riservato a un bambino di 8 anni e al fratello maggiore di 10 anni di Basilea. Il motivo una banconota finta di 50 euro, riporta il "Basler Zeitung".

Un mese prima, i due fratelli avevano raccolto questi soldi-giocattolo durante il carnevale. Sono allora andati al negozio di alimentari del villaggio, dove la famiglia faceva la spesa normalmente. Lì, il più giovane dei due ha chiesto alla cassiera se poteva comprare qualcosa con quella banconota. La cassiera riconosce che la banconota è finta e sgrida i bambini, che se ne andarono. La donna ha quindi denunciato il caso alla polizia, come richiesto dal regolamento del negozio.

La polizia non ha preso le cose alla leggera: i video di sorveglianza sono stati esaminati fino a quando i "colpevoli" sono stati identificati, un mese dopo i fatti. Un agente di polizia ha quindi chiamato la famiglia, spiegando che i bambini avevano commesso un "atto grave". "Ho detto che avremmo collaborato, ma dopo la telefonata, ho pianto come una fontana, aspettandomi il peggio", ha detto la madre.

Dopo lunghe interrogazioni, gli "inquirenti" hanno concluso che solo il più piccolo era "colpevole di mettere in circolazione denaro contraffatto". Secondo il padre dei ragazzi, l'ufficiale di polizia sembrava deluso di non poter accusare il fratello maggiore. A dieci anni, avrebbe potuto essere processato dalla giustizia minorile, mentre il più giovane no. Interpellata dal "Basler Zeitung", la polizia si è difesa, ricordando le normative in vigore. Il piccolo comunque ha evitato il carcere, come temeva la madre, ma il suo dossier rimarrà nel sistema informatico della polizia fino a quando non compirà 20 anni, il 6 maggio 2032, data del termine di prescrizione.

Guarda anche 

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera

Anche col “Crus” il Lugano continua a convincere

LUGANO – “Senza Maric neanche gioco”. Così aveva parlato nella consueta conferenza stampa pre partita Matti Croci-Torti, alla vigilia della sua p...
13.09.2021
Sport

Anziana finisce in ospedale dopo essere stata avvelenata, due dipendenti di una casa per anziani a processo

È una vicenda degna di un romanzo giallo quella avvenuta in una casa per anziani di Laufen (BL) nel 2018. Una ex dipendente è sotto processo al tribunale...
08.09.2021
Svizzera

Picchiato dalla madre. Costretto a chiedere l’elemosina. Bimbo rom chiede aiuto ai carabinieri

ROMA (Italia) – Sembra un film dell’orrore e invece no. Botte, minacce e tanta paura. Infine la richiesta di aiuto per mettere fine a quello che era diventato...
03.09.2021
Magazine