Svizzera, 22 gennaio 2020

Bally alla ricerca di start-up con soluzioni per la sostenibilità: la chiamata è aperta fino alla metà di Febbraio

Caslano, 21 Gennaio 2020 – Bally, il brand Svizzero del lusso, è alla ricerca di Start-up mature che si dedicano allo sviluppo di soluzioni a favore della sostenibilità nell’industria del fashion.
In collaborazione con il proprio partner di lunga data Loomish, ormai riconosciuta realtà attiva nella gestione degli investimenti, Bally ha aperto una “call” per start-up invitando società ormai mature che offrono soluzioni innovative che possano aiutare i grandi player ad affrontare la sfida della sostenibilità.
 
Le iniziative possono essere sottoposte fino al 14 Febbraio 2020 tramite il sito web di Loomish
https://awards.loomish.ch/ attraverso un processo di candidatura rapido e semplice.
Le finaliste saranno invitate a presentare la propria soluzione il 31 Marzo 2020 a Lugano, di fronte ad una giuria internazionale composta da manager provenienti primari brand della moda, società di tecnologia e investitori.
 
Il contesto specifico di questa chiamata è riassumibile in tre categorie: sostenibilità nella produzione
(materiali, design, processo produttivo), sostenibilità del consumo (economia circolare) e sostenibilità nel retail e logistica.
 
Scopri di più sui membri della giuria qui https://awards.loomish.ch/?page_id=1281
e partecipa all’iniziativa https://awards.loomish.ch/?page_id=900.
 
Nicolas Girotto, CEO di Bally, dichiara: “Nell’ultimo anno, c’è stato un cambiamento significativo nell’urgenza di rendere l’industria della moda più sostenibile per il futuro.

Come membri del “Fashion Pact”, e con la nostra road-map indipendente sulla sostenibilità, credo che i marchi della moda abbiano il dovere di sfruttare la loro capacità e vitalità per affrontare questi crescenti problemi globali.
Questa iniziativa fa parte del nostro contributo alla costruzione di un settore più sostenibile e siamo molto lieti di trovare una giuria per questo Award, di tale respiro e diversità, che riunisce un gruppo stellare di leader dei settori e marchi in un unico luogo.”
 
Carlo Terreni, il fondatore di Loomish, dichiara: “Nel corso degli ultimi quattro anni, il Fashion Innovation Award si è guadagnato la reputazione di piattaforma di lancio per Fashion Tech start-up: offre ad imprenditori promettenti del FashionTech un’opportunità unica di presentare le proprie idee direttamente a decine di decisori di altissimo livello. Nel 2020, con la sostenibilità della moda, che rappresenta un enorme ambito per fare innovazione, lavoreremo con tutti i nostri partner brand e
membri della giuria per selezionare, promuovere e sostenere la crescita delle FashionTech start-up
più promettenti e tese ad un futuro più sostenibile.”

CHI È BALLY
Bally è un marchio svizzero del lusso fondato nel 1851, con una ricchissima tradizione nella produzione di calzature, e una relazione di lunga durata con l’architettura, l’arte e l’ambiente. Oggi il brand offre design unici tra scarpe, accessori e prêt-a-porter, guidati dalla dedizione all’artigianato e dall’estetica contemporanea.
I 311 negozi al dettaglio di Bally e i 500 punti vendita multimarca sono distribuiti in 66 nazioni in tutto il mondo, inclusa una piattaforma globale di e-commerce attiva su 34 paesi.
 

CHI È LOOMISH
Loomish SA è una società di investimenti basata in Svizzera , specializzata sul comparto Lifestyle Tech, con focus sulla moda, lusso, food, travel e design. 
 

Guarda anche 

Covid-19, +550 nuovi contagi in Svizzera

In Svizzera, nelle ultime 24 ore, sono stati registrati 550 nuovi contagi da coronavirus. Un dato – fa sapere l'Ufficio federale della sanità pubblica...
01.10.2020
Svizzera

Accordo quadro con l'UE, ancora molte le questioni aperte

Dopo il netto rifiuto, domenica scorsa, dell'iniziativa dell'UDC per un'immigrazione moderata, il Consiglio federale dovrebbe informare Bruxelles questa setti...
01.10.2020
Svizzera

Bancomat fatto saltare in aria, il terzo in pochi giorni

Nel canton Berna è stato fatto saltare in aria l'ennesimo distributore di banconote. Gli abitanti del comune di Büren an der Aare hanno allertato la poliz...
01.10.2020
Svizzera

Voleva aprire ditta ma dovrà prima restituire più di 260'000 franchi all’assistenza

Dopo più di nove anni di assistenza sperava di iniziare un’attività indipendente grazie a un anticipo di eredità versatogli dal padre. Invece q...
01.10.2020
Svizzera