Svizzera, 20 dicembre 2019

SOS Ticino salva dall’espulsione un asilante schizofrenico

Ancora una volta SOS Ticino è riuscita a far annullare il rinvio di un richiedente l’asilo dalla Svizzera all’Italia. Ancora una volta lo ha fatto adducendo la scusa di un presunto peggioramento delle condizioni dei migranti in Italia dopo l’entrata in vigore del decreto Salvini.
Questa volta a rimanere in Ticino grazie a SOS Ticino è un cittadino del Gambia che parrebbe essere affetto da una schizofrenia paranoide, almeno stando alla diagnosi di uno psicologo. 

L’uomo è arrivato a Chiasso nell’agosto scorso. La Segreteria di Stato della migrazione (SEM) ha subito deciso di rinviarlo in Italia, in virtù del regolamento di Dublino. L’uomo, infatti, aveva già chiesto asilo nel 2016 in Italia, dove aveva ricevuto un permesso di soggiorno per motivi  umanitari.
Insomma, il gambiano avrebbe potuto restare senza problemi in Italia, ma ha preferito venire nella più generosa svizzera e giocare la carta dei disturbi psichici. 

Una carta vincente. Infatti il Tribunale amministrativo federale ha accolto, con sentenza pubblicata oggi, il ricorso presentato per conto del cittadino gambiano dal signor Rosario Mastrosimone di SOS Ticino.

Nella sentenza i giudici scrivono che “la SEM non ha tenuto conto, nella decisione avversata, della situazione attuale presente in Italia a seguito del decreto Salvini per quanto concerne l’accesso a delle cure mediche specializzate dal profilo psichiatrico”. Inoltre, scrivono ancora i giudici del TAF, “la SEM non ha analizzato, in rapporto alle disposizioni del decreto Salvini, le possibilità concrete di alloggio e dell’ottenimento da parte dell’insorgente di una presa in carico psichiatrica e psicoterapeutica adatta alla situazione particolare di vulnerabilità dello stesso”.
In parole povere, il gambiano presenta dei disturbi psichici e dato che non possiamo essere sicuri che l’Italia sia intenzionata a prestargli delle cure lo teniamo in Svizzera e lo curiamo noi a spese del contribuente.

Guarda anche 

Pesanti condanne per un caso di corruzione alla SECO, "il più grave da decenni nella storia svizzera"

Per quindici giorni il Tribunale penale federale di Bellinzona nel mese di agosto si è occupato di uno dei più grandi casi di corruzione nella storia del...
19.09.2021
Svizzera

Fa ricorso per una multa per divieto di sosta, alla fine dovrà pagare 15 volte tanto

Succede, talvolta, che quando si fa ricorso per una multa, si riesce a farla annullare, o comunque ridurre l'importo, quando si è convinti di non aver commesso...
18.09.2021
Svizzera

La crisi afghana si fa già sentire, aumento del 60% delle domande d'asilo in agosto

Nel mese di agosto, la Segreteria di Stato per la Migrazione (SEM) ha registrato 1556 domande di asilo. Il maggior numero di domande, 330, proveniva dall'Afghanistan ...
16.09.2021
Svizzera

Derubava i clienti FFS mettendo un fazzoletto nel distributore di biglietti

Un cittadino francese residente a Ginevra è riuscito a sottrarre circa 2'000 franchi a clienti delle FFS bloccando l'erogatore del resto dei distributori d...
13.09.2021
Svizzera