Sport, 07 ottobre 2019

Un cuore bianconero grande così: 3 punti d’oro per il Lugano di Celestini

La vittoria ottenuta ieri a Sion spazza via le nubi nere sulla testa dell’allenatore e su un gruppo che sembrava essere entrato in un circolo vizioso

LUGANO – Se sarà il punto di svolta di questa stagione, dalle parti di Cornaredo, occorrerà istituire una nuova giornata di festa, in onore di Balint Vecsei. Se la doppietta dell’ungherese rifilata ieri al Sion in trasferta si rivelerà quella che farà girare davvero la stagione del Lugano, difficilmente Celestini si dimenticherà di questo 6 ottobre. Così come difficilmente se ne dimenticherà Angelo Renzetti, sicuramente soddisfatto di quanto visto ieri al Tourbillon.

Il mattatore di giornata è stato ovviamente il centrocampista, autore della due reti che hanno permesso ai bianconeri di espugnare in extremis il Vallese, ma è stato tutto il Lugano a mostrare cuore e grinta, dando continuità a quanto si era visto già giovedì in Europa League. Ovviamente chi si aspettava una squadra pronta ad arrivare a Sion per dettare il gioco sarà rimasto deluso, ma bisogna tenere in conto della pressione che c’era sulle spalle di Sabbatini e compagni e della posta che c’era in palio: Celestini si giocava la panchina, il fondo della classifica era a un passo e i bianconeri erano in zona spareggio promozione/retrocessione.

Sicuramente non poca roba, tenendo conto, inoltre, che l’ultimo successo ottenuto dalla truppa ticinese era datato 21 luglio: otto giornate di stenti, di KO e di pareggi, inframmezzati da un’eliminazione dalla Coppa Svizzera giunta per mano del Losanna in maniera indecorosa (senza contare l’Europa League, dove il Lugano ha mostrato un volto migliore). Per questo possiamo davvero dire che, nonostante un primo tempo complicato e avaro di grosse occasione e alcune buone chances non sfruttata con Junior nella ripresa, i bianconeri hanno mostrato il loro carattere, la loro idea di gioco, in un momento davvero delicato e che per una volta la fortuna è stata anche dalla loro parte.

Guarda anche 

Spooner-Lugano, siamo ai titoli di coda. Chi ci guadagna?

LUGANO – Ormai ci siamo, ogni giorno, ogni ora, ogni minuto può essere quello dell’addio. L’addio di Ryan Spooner alla Cornér Arena, al Lu...
18.10.2019
Sport

Aggrediscono e derubano 68enne invalido, arrestati

Prima lo hanno aggredito e poi lo hanno derubato del portafogli. È successo a Roma, dove due tunisini, entrambi senza fissa dimora e con p...
18.10.2019
Mondo

Dalla nazionale ai dilettanti: il saluto militare turco sta mettendo in apprensione anche le federazioni regionali

LUGANO – Ha fatto il giro del mondo. Quelle immagini dei giocatori della Turchia che con la mano destra sulla fronte fanno il saluto militare dopo ogni gol siglato ...
18.10.2019
Sport

Georgia e Gibilterra: la strada verso l’Europeo della Svizzera è in discesa

LUGANO – Dopo l’incredibile KO in Danimarca di sabato scorso un po’ tutti ci siamo armati di carta e penna e abbiamo iniziato a fare i calcoli per capir...
17.10.2019
Sport