Sport, 10 settembre 2019

Pazzesco in Francia: c’è Albania e risuona l’inno armeno. Le scuse? Sono ancora peggio…

Sabato sera la sfida di Parigi è iniziata con qualche minuto di ritardo per un errore incedibile avvenuto prima del fischio d’inizio. Lo speaker dopo l’errore ha chiesto scusa… all’Armenia!

PARIGI (Francia) – Se non fosse vero ci sarebbe quasi da non crederci! Ma quello che è avvenuto sabato a Parigi in occasione di Francia-Albania resterà nella storia come una delle gaffe più incredibili del mondo del pallone.

Al momento solenne degli inni, ecco le comiche: allo Stade de France risuona l’inno di Andorra. Dopo la Marsigliese, infatti, non è partito l’Himni i Flamurit albanese, ma “El Gran Carlemany”, inno del
piccolo stato della penisola iberica. Ovviamente i giocatori in campo non l’hanno presa benissimo, con diversi sguardi al veleno verso i responsabili.

L’Albania ha preteso  che venisse riprodotto l’inno esatto, altrimenti non avrebbero giocato. Di conseguenza la partita è iniziata in ritardo.

Ma non è finita qui: gli speaker, infatti, hanno chiesto scusa all’Armenia e non all’Albania. Di male in peggio…

Guarda anche 

Macron ha perso la maggioranza dei seggi in Parlamento

La République en Marche (Lrem), il partito politico fondato dal presidente francese Emmanuel Macron nel 2016, ha perso la maggioranza assoluta dei s...
21.05.2020
Mondo

Presidente di un'associazione pro-migranti ucciso da un richiedente l'asilo che ospitava

La polizia francese ha arrestato un richiedente l'asilo afgano sospettato di aver ucciso il presidente di un'associazione che fornisce assistenza a migranti e ric...
15.05.2020
Mondo

Coronavirus, primo caso in Francia già a dicembre

“Avevo un forte dolore al petto, mi mancava l'aria e allora sono andato all'ospedale”. Comincia così la testimonianza di Amirouche Hammar, un 4...
06.05.2020
Mondo

Anche Francia, Italia e Spagna sulla via del deconfinamento

Diversi paesi europei cominciano a loro volta questa settimana ad allentare le restrizioni imposte per contrastare la diffusione del Coronavirus e seguono così il ...
04.05.2020
Mondo