Mondo, 09 giugno 2019

Arrestato a 13 anni, ora rischia la pena di morte

Arrestato a 13 anni, e da allora rinchiuso in carcere, Murtaja Qureiris (nella foto) è un ragazzo saudita che si trova di fronte a un futuro terribile. Adesso Qureiris ha diciotto anni e rischia la pena di morte. Da ragazzino, Qureiris aveva partecipato a diverse manifestazioni in giro con la sua biciclettina, durante la Primavera Araba del 2011.

In un video diffuso dalla CNN, il ragazzino inforcava i pedali in mezzo a una folla insieme a altri ragazzini, in una strada dell'Arabia Saudita. Insieme a altri, giovanissimi, giovani e meno giovani, urlava: "La gente chiede diritti umani". A 13 anni, tre anni dopo essere stato filmato mentre partecipava alle proteste in bicicletta, viene arrestato. Durante la sua detenzione senza processo ha trascorso almeno un anno e tre mesi in isolamento e quattro anni in detenzione preventiva. È la CNN a raccontare la sua vicenda : fermato mentre viaggiava con la sua famiglia sulla strada Re Fahd, che collega il Bahrain all'Arabia Saudita, Qureiris aveva solo 10 anni quando ha commesso uno dei presunti crimini che di cui è accusatoi.

È considerato come il più giovane prigioniero politico dell'Arabia Saudita, perlomeno tra quelli di cui si ha conoscenza. In Arabia Saudita non è chiara l'età minima in cui si può essere imputati per reati. Alle Nazioni Unite, l'Arabia Saudita aveva dichiarato che il paese non applica la pena di morte prima che condannato abbia raggiunto l'età della responsabilità penale. Secondo Human Rights Watch, nel 2006 l'Arabia aveva riferito al comitato per i diritti dei bambini che l'età minima per la responsabilità criminale era stata alzata a 12 anni di età.

Una delle accuse mosse a Murtaja sarebbe quella di aver accompagnato suo fratello Ali Qureris, anche lui attivista, in moto mentre Ali avrebbe lanciato delle bombe Molotov contro una stazione di polizia ad Awamiya, in Arabia Saudita orientale. Oltre a questo, viene accusato di appartenere a "un gruppo terroristico estremista" e di violenza (presumibilmente legata alle proteste), per l'aiuto nella costruzione delle armi Molotov, per sparatorie contro le forze di sicurezza e per la marcia del funerale del fratello (dove sono stati gridati slogan antigovernativi). Murtaja Qureiris aveva 11 anni quando suo fratello perse la vita prendendo parte a proteste che il regno descrisse come violente.

Anche un altro dei suoi fratelli è stato imprigionato e suo padre è stato detenuto l'anno scorso. Il ragazzino, secondo la CNN, ha negato tutto e ha dichiarato che le sue confessioni sono state estorte dall'accusa sotto costrizione. E anche se l'accusa non ha considerato Murtaja responsabile di eventuali perdite di vite umane si vorrebbe imporre la forma più dura della pena di morte, che può includere la crocifissione o lo smembramento dopo l'esecuzione.

L'Arabia Saudita ha uno dei più alti tassi di esecuzioni al mondo. Ad aprile, il Regno ha annunciato di aver giustiziato 37 uomini provenienti principalmente dalla minoranza sciita (vedi articoli correlati). La pena di morte in Arabia Saudita può essere eseguita solo con il benestare di re Salman o di un suo rappresentante.

Guarda anche 

In Arabia Saudita eseguite 37 esecuzioni di condanne a morte, uno crocifisso

Martedì in Arabia Saudita sono state eseguite 37 esecuzioni di condanne a morte, di cui almeno uno per crocifissione. Le persone uccise, sostiene il governo saudit...
25.04.2019
Mondo

Arabia Saudita, bimbo di 6 anni decapitato davanti alla mamma perché sciita

Decapitato a soli 6 anni davanti alla propria mamma solo per essere di confessione sciita e non sunnita. Lo riporta il sito inglese “mirror.co.uk”, secondo...
11.02.2019
Mondo

Lo scandalo della Supercoppa italiana: in vendita biglietti per soli uomini

JEDDAH (Arabia Saudita) – Per i soldi si fa quasi tutto, per incassare il massimo possibile anche, ma vendere i propri ideali, le proprie idee, andando anche contro...
03.01.2019
Sport

Giornalista saudita torturato e ucciso dopo che Twitter ha rivelato la sua identità

Un altro giornalista saudita è stato riportato torturato e ucciso per mano delle autorità saudite la scorsa settimana, e questa volta i sauditi potrebbero a...
13.11.2018
Mondo