Mondo, 27 maggio 2019

Aiutavano migranti ad attraversare la Manica, condannati a 3 e 2 anni di carcere

Un venditore di barche e un tassista sono stati condannati venerdì dalla corte di Boulogne-sur-Mer (Pas-de-Calais, nel nord della Francia) a 18 mesi e un anno di carcere per aver aiutato dei migranti ad attraversare il canale della Manica tra ottobre e marzo.

Titolare di un'azienda che vende imbarcazioni usate, il 45enne Emmanuel Desreux è stato condannato a un totale di tre anni di carcere, di cui 18 mesi sospesi. Il tassista Jean-Claude Demeyer, 54 anni, è stato invece condannato a 2 anni di carcere, uno dei quali è stato sospeso. Oltre al carcere, non potrà esercitare la sua attività di tassista per 5 anni.

L'inchiesta è iniziata a gennaio con l'arresto di quattro cittadini iraniani e di due tassisti sulla spiaggia di Wimereux (Pas-de-Calais). Grazie alle testimonianze, gli inquirenti sono riusciti a risalire alla compagnia Fluvialys, con sede a Deûlémont (Nord).

Grazie a intercettazioni telefoniche gli inquirenti hanno rapidamente scoperto che l'imprenditore vendeva regolarmente gommoni a migranti, prima di metterli in contatto con un tassista di Calais, il quale trasportava le imbarcazioni e i migranti alla costa.

Davanti alla corte venerdì, il venditore di imbarcazioni, nato in Francia e residente in Belgio, ha ammesso di aver venduto "17 o 18 barche in quattro mesi". Gli inquirenti ne hanno invece contate 39, basandosi in particolare su fatture e materiale nautico rinvenuto su alcune spiagge della costa.

"C'era sempre un migrante con me che mi ha detto la destinazione (...) Quando sono arrivato lì, erano sempre almeno sette o otto. Prendevano la barca, il motore, le pompe, i remi, i giubbotti di salvataggio e poi me ne andavano", ha spiegato l'imputato. Alla domanda sui rischi incorsi dai migranti durante la traversata, nessuno dei due uomini ha espresso rammarico. "Dipende tutto dalla meteo", ha detto il venditore, assicurando: "quando c'era brutto tempo, dicevo loro di richiamare più tardi".

Circa 14'000 euro in contanti sono stati trovati negli uffici dell'imprenditore durante il suo arresto. Nelle sue requisizioni, l'ufficio del pubblico ministero ha sottolineato "il pericolo del passaggio di notte, dato il traffico e le condizioni meteorologiche nella Manica in inverno" e la "natura lucrativa dell'attività".

Tra ottobre e marzo, 62 attraversamenti illegali della Manica sono stati tentati, "per lo più da iraniani e iracheni" che hanno preso un "rischio enorme" per il trasporto di un totale di quasi 500 migranti, ha detto ai primi di aprile il prefetto di Pas-de -Calais, Fabien Sudry. La densità del traffico nello stretto, le correnti, le secche, il vento permanente e la temperatura dell'acqua rendono questa impresa molto difficile ed estremamente pericolosa.




Guarda anche 

"La Svizzera accolga almeno il 2% dei migranti soccorsi dalle ONG"

Una mozione presentata al Consiglio nazionale da rappresentanti eletti di tutti i gruppi parlamentari, ad eccezione dell'UDC, propone che la Svizzera accolga almeno i...
19.09.2019
Svizzera

Pazzesco in Francia: c’è Albania e risuona l’inno armeno. Le scuse? Sono ancora peggio…

PARIGI (Francia) – Se non fosse vero ci sarebbe quasi da non crederci! Ma quello che è avvenuto sabato a Parigi in occasione di Francia-Albania resterà...
10.09.2019
Sport

Erdogan minaccia l'Europa, "aiutateci o vi riempiremo di migranti"

La Turchia prevede di reinsediare un milione di rifugiati siriani presenti sul suo territorio nel nord della Siria ma ha avvertito che, in assenza di sostegno internazion...
07.09.2019
Mondo

Lione, è ancora terrorismo islamico?

Sabato in Francia si è consumato un ennesimo fatto di sangue per mano di un criminale straniero, in arrivo da “altre culture”. A Villeurbanne, nei pres...
02.09.2019
Mondo