Svizzera, 21 marzo 2019

12enne condivide video violenti su WhatsApp, la polizia va a prenderlo a scuola (senza dire niente ai genitori)

Da un amico, un dodicenne del canton Zurigo aveva ricevuto due video violenti. Attraverso l'applicazione Whatsapp gli aveva inviato video di corpi tagliati. Senza pensarci troppo, il ragazzo condivide le riprese con i suoi compagni di classe nella chat comune.

Ma qualcuno deve aver fatto la spia. Il giorno dopo infatti, la polizia si presenta nella scuola del ragazzo, chiamata dall'istituto stesso. Come scrive il giornale zurighese "Weltwoche", i funzionari hanno interrogato il dodicenne e altri due studenti del primo anno. I suoi compagni consegnano il telefono alla polizia ma il dodicenne non aveva il suo, perché lo aveva lasciato a casa. La polizia allora accompagna il giovane al suo domicilio in modo che possa consegnarli il suo telefono. In nessun momento i genitori sono stati informati di quanto accaduto.

Solo poche ore dopo, il dodicenne racconta alla madre dell'incidente, incidente che lo ha traumatizzato
al punto che non riesce più ad andare a scuola per diversi giorni. La madre è infuriata e sta valutando una denuncia contro la polizia. Secondo lei non è accettabile che la polizia sia sia permessa di entrare in casa sua senza il suo permesso o un mandato di perquisizione.

Ma anche per i ragazzi potrebbero esserci conseguenze legali. Oltre all'insegnante di classe, all'amministrazione scolastica e al servizio giovanile della polizia cantonale, è stato coinvolto anche l'ufficio del pubblico ministero dei minorenni. "Questo è un reato", spiega il portavoce della polizia cantonale zurighese, Florian Frei.

Secondo Frei un minorenne commette reato se condivide immagini di violenza o di pornografia dura. Anche il semplice possesso è proibito. Gli insegnanti farebbero quindi bene a riferire alla polizia di studenti che portano un telefono con tale materiale a scuola.

Guarda anche 

Allarme WhatsApp: ecco la truffa del codice a 6 cifre. Si rischia di perdere il profilo

LUGANO – È tornato in voga su WhatsApp il raggiro che permette di rubare il profilo e relativi gruppi. L’allerta scatta col seguente messaggio che arri...
30.05.2024
Magazine

Cambia partito subito dopo le elezioni e ora finisce in tribunale

Il Tribunale federale (TF) vuole che la giustizia zurighese esamini il caso di Isabel Garcia, deputata eletta per i Verdi liberali e che è passata al PLR meno di d...
23.05.2024
Svizzera

Degli appartamenti a 6400 franchi al mese in periferia di Zurigo fanno discutere

Non ancora terminato, un complesso di 270 appartamenti a Wiedikon, in periferia di Zurigo, fa già discutere. Costruito sotto la direzione del progetto della Zurigo...
14.05.2024
Svizzera

L'ospedale di Zurigo indaga su centinaia di decessi misteriosi

L'Ospedale universitario di Zurigo (USZ) verificherà tutti i casi di decessi avvenuti tra il 2016 e il 2020 nella sua clinica di cardiochirurgia. In questo per...
09.05.2024
Svizzera

Informativa sulla Privacy

Utilizziamo i cookie perché il sito funzioni correttamente e per fornirti continuamente la migliore esperienza di navigazione possibile, nonché per eseguire analisi sull'utilizzo del nostro sito web.

Ti invitiamo a leggere la nostra Informativa sulla privacy .

Cliccando su - Accetto - confermi che sei d'accordo con la nostra Informativa sulla privacy e sull'utilizzo di cookies nel sito.

Accetto
Rifiuto