Svizzera, 05 marzo 2019

Iniziativa contro il "CH" sulle auto, Quadri: "Le targhe svizzere vanno benissimo così"

Abolire l'obbligo di circolare all'estero con l' adesivo 'CH' sull'automobile per gli automobilisti svizzeri. È questa l'iniziativa popolare depositata oggi da un gruppo di cittadini, i quali chiedono che sulle nuove targhe d'immatricolazione di veicoli e rimorchi figuri obbligatoriamente il segno distintivo 'CH'.

Un tema, questo, già sollevato dal Consigliere Nazionale leghista Lorenzo Quadri nel 2013 tramite mozione al Consiglio Federale. "Guarda te – scrive Quadri su Facebook – se per simili paturnie internazionali bisogna arrivare al punto di fare ricorso ai diritti popolari! Il tema degli automobilisti multati all'estero per mancanza di autocollante CH (o per adesivo troppo piccolo) l'ho sollevato già nel 2013 tramite mozione al Consiglio federale. Sarebbe bastato modificare la Convenzione di Vienna del 1968 (!) di modo che la bandiera svizzera, che già figura sulle nostre targhe, venisse considerata un "segno distintivo" sufficiente della nazione di provenienza (del resto, più distintivo della bandiera…)".

E continua: "Ma naturalmente la risposta fu il consueto: "sa po' fa nagott!". Ovvero: "ce ne freghiamo"! E adesso ci si inventano le iniziative popolari per cambiare le targhe inserendo la sigla CH. Quindi, bisogna spendere tempo e soldi per modificare qualcosa che funziona - le targhe svizzere vanno benissimo così - e solo per correre dietro a grottesche pippe mentali europee".

"Comunque – conclude – che non ci si sogni di far sparire la bandiera nazionale dalle nostre targhe! Del resto, va pur detto che per evitare le multe basta applicare correttamente l'adesivo CH...".

Guarda anche 

Un'aggressione sessuale al festival jazz gli vale il carcere e l'espulsione

Un cittadino albanese dovrà scontare quattro anni di carcere e verrà in seguito espulso per otto anni dalla Svizzera per aggredito sessualmente una donna du...
22.05.2019
Svizzera

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera

Si presenta all'incontro a luci rosse con la figlia di 3 anni, ma ad aspettarlo c'è la polizia

La polizia cantonale di Zurigo ha arrestato un uomo di 44 anni per sospetti atti di pedofilia. L'uomo, residente nel canton Argovia, è sospettato, tra le altre...
20.05.2019
Svizzera