Sport, 04 marzo 2019

Dagli errori si impara: il Lugano (forse) lo ha imparato

Il successo colto ieri a Zurigo risulta prezioso e importante in ottica salvezza e non solo…

LUGANO – Letzigrund espugnato! Porta ancora inviolata in stagione contro lo Zurigo! 3 punti in cascina! Una lotta di cuore e orgoglio per 45’ in 1 uomini! Zona calda che ora si allontana in maniera importante! Se il Lugano non ha fatto un affare ieri pomeriggio sulle riva della Limmat… poco ci manca. Sì perché se la rete di Gerndt è stata fondamentale per sbancare lo stadio zurighese, questa volta i bianconeri non si sono “fermati” al cuore e all’orgoglio, ma hanno lavorato di squadra, non subendo l’ennesima beffa nel finale (anche se la rete annullata a Nef al 90’ ha fatto temere).

Con un uomo in meno per 45’, senza Sadiku rimasto negli spogliatoi alla pausa per ridare senso tattico ed equilibrio alla squadra, Sabbatini e compagni hanno dimostrato non solo quelle qualità da sempre elogiate e sottolineate da tutti – ma raramente espresse in campo – ma anche di aver imparato dagli errori commessi in precedenza. E forse il succo del discorso sta tutto qui: questo Lugano è una squadra di qualità, anche matura e ricca di giocatori di una certa esperienza, che può sbagliare, può inciampare, ma deve saper imparare per diventare una formazione da temere in ogni circostanza.

Forse le parole sibilline di Celestini e di Renzetti dopo i KO contro l’YB e il Thun di settimana scorsa hanno toccato le corde giuste del morale e dell’orgoglio dei bianconeri e hanno stimolato un gruppo che, spesso, quando scendeva in campo commetteva errori incomprensibili, se paragonati a quanto dimostrato in allenamento. Forse appunto… una risposta deve arrivare domenica quando a Cornaredo arriverà il Basilea.

In attesa di sfidare i renani, però, è giusto godersi i 26 punti conquistati, i 7 punti di vantaggio sullo Xamax e gli 8 sul GC… guardando avanti, invece, viene il rammarico per i 2 punticini lasciati a Sion e quello evaporato domenica scorso contro la capolista, altrimenti l’Europa sarebbe stata davvero a un passo.

Guarda anche 

Vittoria e promozione: il Paradiso incanta e sale in Prima Lega

PARADISO – Era una sfida in famiglia, era una lotta all’ultimo gol tra due squadre ticinesi e alla fine a festeggiare è stato il Paradiso che ha toccat...
16.06.2019
Sport

Bentancur-Bellinzona il matrimonio è servito

BELLINZONA - Mancano solo i dettagli e poi, salvo clamorosi ribaltoni per altro non previsti, il Bellinzona dal prossimo mese di luglio si avvarrà della collaboraz...
17.06.2019
Sport

Reuille: “Che cosa mi preoccupa? La malvagità degli uomini”

LUGANO - Ben 1030 partite disputate con la maglia del Lugano, una decina di apparizioni in nazionale ed un titolo vinto, sempre con l’HCL, nel 2006. La nostra rubri...
17.06.2019
Sport

20 giornate di squalifica all’arbitro, 30 al guardalinee: colpa di un gol fantasma

ASUNCION (Paraguay) – 20 partite di squalifica a un arbitro, 30 a un guardalinee: a leggerla così ci si potrebbe domandare cosa possano aver combinato e la r...
16.06.2019
Sport