Svizzera, 27 febbraio 2019

Condannati a Winterthur due fratelli che partirono per la Siria

Pene sospese con la condizionale per i due giovani, giudicati a Winterthur per presunto sostegno all'Isis: nel 2014, ancora erano minorenni, i due, fratello e sorella, si recarono in Siria con l'intenzione di unirsi allo Stato islamico.

Secondo la sentenza pubblicata oggi, la giovane donna - che oggi ha 19 anni ed ha già passato 9 mesi in detenzione preventiva - è stata condannata a 10 mesi di detenzione con la condizionale. Il fratello di 20 anni si è visto infliggere una condanna a 11 mesi con la condizionale, ma anche lui ha già passato 10 mesi in prigione.

Il dibattimento a porte chiuse davanti alla sezione per i minorenni del Tribunale distrettuale di Winterthur si è tenuto a porte chiuse agli inizi di dicembre. I giornalisti accreditati hanno potuto seguire soltanto la fase degli interrogatori. La pubblica accusa ha chiesto nei loro confronti pene detentive con la condizionale di 11 e 12 mesi.

I due giovani, che all'epoca avevano 15 e 16 anni, si sono entrambi avvalsi della facoltà di non rispondere. Secondo l'atto di accusa, si sarebbero radicalizzati nel corso del 2013, frequentando moschee che praticavano una "interpretazione conservatrice del Corano".

Nel dicembre del 2014 salirono su un aereo diretto in Turchia e si trasferirono in un territorio siriano controllato dagli islamisti, dove hanno vissuto in un appartamento "rendendosi utili" all'Isis. L'esperienza in Siria durò un anno circa.

Nel dicembre 2015, i due fratelli furono arrestati appena giunti all'aeroporto di Zurigo, con l'accusa di sostegno a un'organizzazione criminale e di violazione dell'articolo della legge federale che vieta i gruppi "Al Qaida" e "Stato islamico".

Guarda anche 

Doppio sì alle urne, UE soddisfatta "ma non ci saranno concessioni"

L'UE ha accolto con soddisfazione il risultato delle votazioni federali svoltesi ieri in Svizzera. Tuttavia Bruxelles non farà nessuna concessione alla Confede...
20.05.2019
Svizzera

"Onore ai ticinesi", "ora so dove passare le mie vacanze". Le reazioni all'indomani del NO ticinese alla Legge sulle armi

Non è passato inosservato il NO del canton Ticino alla nuova legge sulle armi, unico cantone ad avere rifiutato la direttiva UE sulle armi. Il “no” tic...
20.05.2019
Svizzera

Si presenta all'incontro a luci rosse con la figlia di 3 anni, ma ad aspettarlo c'è la polizia

La polizia cantonale di Zurigo ha arrestato un uomo di 44 anni per sospetti atti di pedofilia. L'uomo, residente nel canton Argovia, è sospettato, tra le altre...
20.05.2019
Svizzera

Manipolano un accendifuoco, tre ragazzi rimangono gravemente ustionati

Tre ragazzi sono rimasti gravemente feriti sabato a Wädenswil (ZH) mentre gestivano un accendifuoco. Soffrono di ustioni, ha detto la polizia di Zurigo la sera, cita...
20.05.2019
Svizzera