Opinioni, 20 febbraio 2019

Antonio Caggiano – “Leghista da sempre”

Nei giorni scorsi ho preso posizione nei confronti di un candidato del PS per il suo comportamento durante la trasmissione “Sotto a chi tocca”, nella quale i candidati al Gran Consiglio sono stati gentilmente invitati per presentare se stessi e le loro posizioni politiche. E oggi ho letto, con il sorriso, alcune risposte che ovviamente mi aspettavo. Non voglio perdere tempo a controbattere nello specifico, sarebbe veramente inutile.

Ho mosso i primi passi in politica nel 1996 come Consigliere comunale leghista a Pambio-Noranco. Ho iniziato accanto al grande Pablo Foletti, che aiutò noi giovani di un tempo a credere nella politica intesa come impegno a favore del prossimo. So benissimo quali siano i valori e gli ideali della Lega, mi appartengono da sempre e li porto avanti con grande orgoglio.  La Lega nasce come partito di opposizione, dalla rabbia e dall’impotenza nei confronti dei politici arroganti, per denunciare gli intrallazzi della politica e delle istituzioni, per mettere in primo piano il bene dei cittadini. E spesso, per dare spazio ai propri principi e alle proprie idee, ha dovuto far uso di un linguaggio forte e a volte anche provocatorio.

Credere in tutto questo significa non poter accusare di maleducazione chi si comporta da maleducato senza mostrare rispetto per l’ospitalità ricevuta? Per me no, assolutamente. Un politico che prende posizione, con forza e con toni anche molto accesi, nei confronti di una tematica sociale e politica è ben diverso da una persona che si pone con arroganza e maleducazione in un contesto in cui viene ospitato. È strano dover sottolineare questa basilare differenza.

Io sono Leghista da sempre, ma sono anche un imprenditore, un presidente di calcio, una persona. E porto avanti i principi della Lega, in cui credo fermamente, attraverso il mio linguaggio, la mia sensibilità, la mia educazione e il mio personale modo di intendere la dialettica politica.

Guarda anche 

Mattia Melera - Nuova legge UE sulle armi, no grazie

La modifica della legge sulle armi proposta da Bruxelles (e voluta da Berna) sarà oggetto di votazione il prossimo 19 ...
16.05.2019
Opinioni

“Se si chiede scusa, bisogna avere il diritto di porre rimedio”

Non si placano le polemiche per l’episodio avvenuto qualche giorno fa durante la trasmissione tv “Politicamente scorretto”. La scelta di far indicare...
16.05.2019
Opinioni

Semafori SI – semafori No: ecco il dilemma. Appello alla popolazione ticinese per un sì di solidarietà.

*Di Giorgio Pellanda Come primo firmatario della mozione a favore del credito governativo che ha raccolto l’adesione della maggioranza qualificata del Gran Consi...
15.05.2019
Opinioni

Tonini: "Stop alle colonne sul Piano di Magadino"

*Opinione dal Mattino della Domenica  Che occorra il collegamento veloce A2-A13 siamo tutti d’accoro, come pure sulla necessità di potenziare e migli...
14.05.2019
Opinioni