Svizzera, 18 dicembre 2018

Il presidente dell'Assemblea nazionale francese attacca la Svizzera, "democrazia diretta favorisce affaristi e lobbisti"

Il presidente dell'Assemblea nazionale in Francia, Richard Ferrand (nella foto), una delle più alte cariche della Repubblica francese, insulta il sistema della democrazia semidiretta in Svizzera.

Come riportato da "20 minutes", in un intervento a Parigi, ha affermato che i temi in votazione in Svizzera "sono molto spesso a vantaggio di pochi affaristi e lobbisti che, alla fine, vengono smascherati".



Propositi che hanno sobbalzare il Consigliere nazionale ginevrino Guillaume Barrazone che si è affidato a Twitter rispondere ai propositi poco amichevoli di Ferrand. "Vergogna Ferrand - scrive Barrazone - che dite che la democrazia diretta è a vantaggio di lobbisti e affaristi. Il popolo svizzero apprezzerà". Ferrand che per tutta risposta sostiene che le sue parole sono state travisate e che la frase riportata da Barrazone
fosse "falsa". Peccato che le affermazioni del francese sono state registrate e disponibili in rete, cosa che Barrazone non ha mancato di fargli notare.




L'argomento del referendum e dell'iniziativa popolare, una richiesta dei "Gilet gialli" sta facendo discutere in Francia e immancabilmente la Svizzera viene spesso citato, dato che questi diritti popolari qui sono già presenti. Il giornalista e commentatore politico francese Alain Duhamel ha affermato ieri che il sistema della democrazia diretta implica "un rischio di tirannia della minoranza sulla maggioranza". Al suo collega della RTS Romain Clivaz di rispondergli che "non esiste nessuna tirannia, il vincitore rispetta il perdente e non c'è umiliazione. Il giorno dopo ci si mette al tavolo a discutere, e funziona piuttosto bene!"


Guarda anche 

Macron ha perso la maggioranza dei seggi in Parlamento

La République en Marche (Lrem), il partito politico fondato dal presidente francese Emmanuel Macron nel 2016, ha perso la maggioranza assoluta dei s...
21.05.2020
Mondo

Presidente di un'associazione pro-migranti ucciso da un richiedente l'asilo che ospitava

La polizia francese ha arrestato un richiedente l'asilo afgano sospettato di aver ucciso il presidente di un'associazione che fornisce assistenza a migranti e ric...
15.05.2020
Mondo

Coronavirus, primo caso in Francia già a dicembre

“Avevo un forte dolore al petto, mi mancava l'aria e allora sono andato all'ospedale”. Comincia così la testimonianza di Amirouche Hammar, un 4...
06.05.2020
Mondo

"L'Italia convoca l'ambasciatrice svizzera per i confini chiusi. E noi?"

Le limitazioni al confine tra la Svizzera e l'Italia per i controlli degli spostamenti tra i due paesi saranno al centro di un incontro tra l'ambasciatrice della ...
05.05.2020
Svizzera