Sport, 16 dicembre 2018

Marc Gisin senza airbag, Lara con: il salvavita che divide il circo bianco

Impressionanti le immagini dell’incidente avuto ieri dallo sciatore elvetico sulle nevi della Val Gardena. L’airbag non è obbligatorio ma in tanti iniziano a indossarlo, compresa la ticinese

VAL GARDENA (Italia) – Lo sci, si sa, è uno sport pericoloso nel quale, specie in discesa, si rischia davvero di farsi del male. Ne sa qualcosa, purtroppo, Marc Gisin protagonista ieri di un incredibile incidente durante la Discesa libera della Val Gardena, a causa del quale si è fratturato alcune costole.

L’elvetico non indossava l’airbag, sdoganato in gara nel 2015, ma che ancora fa discutere: l’uso è facoltativo. Progettato dalla Dainese, l’airbag per gli sciatori è un misto di tecnologia: grazie a diversi sensori individua la cadute rotazionali e si gonfia per proteggere le spalle, le clavicole e la cassa toracica. A partire da quest’anno anche la francese In&emotion ha presentato il suo airbag.

Ci si domanda se l’airbag avrebbe quindi potuto evitare il grave infortunio subìto da Marc Gisin, ma gli stessi campioni si dividono. Neanche la metà degli uomini lo indossano, mentre tra le donne sia Lindsey Vonn, che Mikaela Shiffrin che Sofia Goggia lo utilizzano.

Anche Lara Gut lo utilizza, dal momento che la Dainese è anche diventata partner della Svizzera. Ma in tanti continuano a sostenere che sia inutile, che non possa evitare alcuni infortuni: Svindal lo ha testato, ad esempio, e lo ha rinnegato. Ma è innegabile che in alcune situazioni, come quella di Mayer nel 2015 sempre in Val Gardena, l’airbag è stato determinante.

Insomma, chi ha ragione?

Guarda anche 

Yule, Murisier, Meillard: tutti insieme, appassionatamente, a criticare la FIS

CHAMONIX (Francia) – Non c’è solo la Combinata a far storcere il naso ad appassionati, tifosi e protagonisti del circo bianco, ma anche il Parallelo. U...
10.02.2020
Sport

Il braccio ha fatto crack: la Goggia è pronta a ripartire

GARMISCH (Germania) – Una curva presa troppo stretta, una scivolata repentina, lo scontro contro una porta e la frattura del radio del braccio: la stagione di Sofia...
10.02.2020
Sport

Cade dalla bicicletta e si ritrova in carcere

In carcere per essere caduti dalla propria bicicletta, senza aver ferito nessuno né causato alcun danno. È successo a Siggi Suhr, 66enne tedesco, che si &eg...
27.01.2020
Svizzera

Saluto romano in curva. La UEFA impone la multa: soldi chiesti ai tifosi

ROMA (Italia) – “La invitiamo a prendere contatto con la società per concordare una modalità di risarcimento”. Con questo testo la Lazio h...
21.01.2020
Sport