Magazine, 11 dicembre 2018

Una morte assurda: 15enne folgorata dallo smartphone

Irina Rybnikova era una campionessa del pancrazio è rimasta folgorata quando il telefono è caduto in vasca mentre faceva il bagno

BRATSK (Russia) – Smartphone-adolescenti: un binomio ormai indivisibile al giorno d’oggi. I ragazzi non riescono mai a staccarsi dal telefonino, immortalando ogni momento della giornata, portandoselo ovunque, anche in bagno. È stato il caso della 15enne Irina Rybnikova che ha pagato con la vita questa abitudine.

La ragazzina aveva messo lo smartphone in carica prima di entrare in vasca da bagno, ma il telefono è caduto proprio in vasca. Irina è morta folgorata nella sua casa di Bratsk, in Russia. Era una campionessa di pancrazio, uno sport di combattimento che si praticava nell’antica Grecia.

“Sognava di diventare campionessa del mondo”, ha spiegato un’amica. “I nostri cuori sono spezzati”, ha replicato la sorella a “Komsomolskaya Pravda”. Tutta la federazione sportiva ha ricordato la 15. “Se il telefono non fosse stato attaccato alla corrente la tragedia non sarebbe accaduta”, ha spiegato Yury Agrafonov, capo del dipartimento radio-elettronica della Irkutsk State University.

Guarda anche 

Una morte improvvisa a 24 anni: lo sport piange Poeti Norac

CANBERRA (Australia) – Un grande dolore attanaglia non solo la Francia, ma tutto il mondo del surf e dello sport: la giovane surfista Poeti Norac è molta pre...
09.02.2020
Sport

Addio Kobe e Gianna : il 24 febbraio l’ultimo saluto nel “suo” Staples Center

LOS ANGELES (USA) – Lunedì 24 febbraio non sarà una data come tante altre, non solo per Los Angeles ma per l’intera America. Così come pe...
07.02.2020
Sport

Bryant e quel patto con la moglie: mai in elicottero assieme

LOS ANGELES (USA) – Una consuetudine per Kobe Bryant. Una consuetudine che purtroppo è costata la vita a lui e alla piccola figlia Gianna Maria di 13 anni. I...
30.01.2020
Sport

Caro Kobe, ti scrivo… Non dimenticherò mai quella sera

LUGANO – Domenica 26 gennaio 2020. Una serata che non dimenticherò, e non sarò il solo. Caro Kobe Bryant, non dimenticherò mai quella sera, que...
27.01.2020
Sport