Mondo, 11 dicembre 2018

Patto ONU, arriva l'avvertimento di Trump

Con il Global Compact on Migration, detto anche Patto per la migrazione, le Nazioni Unite vogliono "far progredire la governance globale a spese del diritto sovrano degli stati di gestire il loro sistema di immigrazione", hanno dichiarato gli Stati Uniti in un comunicato pubblicato sul sito della delegazione USA all'ONU.

In un lungo testo gli Stati Uniti ricordano di aver lasciato i negoziati sul Patto nel 2017 perché ritengono i suoi obiettivi "incompatibili con la legge americana e gli interessi del popolo americano".

"Le decisioni sulla sicurezza delle frontiere, su chi ha il permesso di risiedere legalmente o di ottenere la cittadinanza, sono tra le decisioni sovrane più importanti che un paese possa prendere" si può leggere nella dichiarazione. Non è quindi accettabile che siano oggetto di "negoziati in un quadro internazionale" aggiunge il testo.

Pur riconoscendo "il contributo di molti immigrati alla costruzione della nostra nazione, non possiamo sostenere un patto o processo che impone o ha il potenziale per imporre linee guida, standard, aspettative o impegni internazionali che potrebbero opporsi alla nostra capacità di prendere decisioni nel migliore interesse della nostra nazione e dei nostri cittadini " afferma il documento.

Washington anticipa inoltre che i paesi firmatari dell'Alleanza alla fine cercheranno di imporre un "diritto consuetudinario internazionale" nel campo della migrazione, vale a dire, trasformando questo patto "non vincolante" in un obbligo inciso nel diritto internazionale.

Il termine "patto" induce "obblighi legali", aggiungono gli Stati Uniti nella loro dichiarazione. Anche la formulazione del testo "non vincolante" è stata considerata sospetta dagli altri paesi che hanno deciso di non firmarlo.

Nonostante le tensioni provocate dal Patto, più di cento paesi sono presenti da lunedì a martedì a Marrakech per appoggiarlo formalmente prima del voto di una risoluzione di ratifica all'Assemblea generale dell'ONU prevista per il 19 dicembre a New York.

Guarda anche 

Presunto passatore con targhe ticinesi arrestato nel canton Uri

La polizia urana ha arrestato giovedì il conducente di un carro attrezzi con targhe ticinesi, sospettato di essere un passatore. A bordo, oltre all'autista, un...
18.11.2019
Svizzera

Si presenta in un bar con una motosega e minaccia i presenti, dovrà andare in carcere e farsi curare

Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un uomo condannato per aver brandito una motosega in un bar di Sciaffusa. Era stato condannato a 15 mesi, e dovrà i...
07.11.2019
Svizzera

Espulso nel 2015, viene ritrovato a far ritorno a bordo di una nave ONG

Un nigeriano espulso dall'Italia nel 2015 è stato scoperto a bordo della Alan Kurdi, nave di proprietà della ONG Sea Eye, dopo che i migranti a bordo so...
05.11.2019
Mondo

Sentenza su Bosia Mirra: arrampicate politiche sui vetri per giungere ad una depenalizzazione dell'immigrazione clandestina

La Lega dei Ticinesi prende atto con sconcerto della sentenza nei confronti dell’ex deputata PS Lisa Bosia Mirra emessa dalla CARP (Corte di appello e di revisione ...
31.10.2019
Ticino