Mondo, 03 dicembre 2018

Passa la linea Trump: al G20 di Buenos Aires “vince” il protezionismo

Clima, immigrazione e, soprattutto, commercio internazionale. Con il tema del protezionismo a fare da convitato di pietra Questi i temi all’ordine del giorno dell’ultimo G20, l’incontro fra le nazioni più industrializzate del mondo conclusosi ieri a Buenos Aires con una dichiarazione congiunta che mostra come sia ancora il presidente americano Donald Trump a voler dettare l’agenda dei lavori.

Se sul sostegno all’accordo di Parigi sul clima la mancata firma Usa era annunciata, il vero colpo Washington l’ha affondato sul tema del protezionismo. Pur riconoscendo il commercio internazionale e gli investimenti come “motori importanti della crescita, della produttività, dell’innovazione, della creazione di occupazione e di sviluppo”, i grandi della terra “prendono nota dei problemi commerciali attuali”. Un bel salto dal comunicato rilasciato dopo l’ultimo G20 di Amburgo, quando si parlava invece, con una formula che voleva dire tutto e il contrario di tutto, di “continuare a lottare contro il protezionismo, incluse le pratiche commerciale ingiuste, e a riconoscere il ruolo di strumenti legittimi di difesa del commercio”.

Non solo. Il comunicato finale riconosce anche che il sistema attuale degli scambi, incapace di garantire crescita, sviluppo e posti di lavoro. Pur premettendo un generico impegno “a utilizzare tutti gli strumenti politici per una crescita forte, sostenibile, equilibrata e inclusiva e per salvaguardare i rischi di ribasso, intensificando il dialogo e le azioni per rafforzare la fiducia”, si prende atto che “l’Organizzazione mondiale del commercio ha fallito i suoi obiettivi“, per cui il G20 auspica “una sua riforma”. Seconda rete di Trump, che alla vigilia dell’incontro aveva paventato la possibilità di abbandonare la Wto. Per il tramite dei suoi accordi passa infatti il 95% del commercio mondiale, ivi incluso quello cinese contro cui da mesi – e a suon di dazi doganali – Washington sta lanciando i propri strali.

(Via ilprimatonazionale.it)

Guarda anche 

Trump attacca esponenti democratici con origini straniere, "tornate nei vostri paesi che hanno bisogno di voi"

Il presidente americano Donald Trump ha pubblicato domenica alcuni tweet riguardanti un gruppo di parlamentari democratiche con origini straniere. “P...
15.07.2019
Mondo

Trump minaccia il Messico, "Dazi se non fermate i migranti"

È sempre più tesa la situazione al confine tra Stati Uniti e Messico, dove non si ferma il flusso di migranti che cercano di raggiungere gli USA. Di fronte ...
06.06.2019
Mondo

Maurer vola negli USA per incontrare Trump alla Casa Bianca

Il presidente della Confederazione svizzera, Ueli Maurer, si reca oggi a Washington per incontrare il suo omologo statunitense, Donald Trump, ha fatto sapere il Dipartime...
16.05.2019
Svizzera

Trump accoglie Orban alla Casa Bianca: "Un leader rispettato che ha mantenuto il suo paese sicuro dall'immigrazione"

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha accolto martedì il primo ministro ungherese Viktor Orban e l'ha elogiato come leader rispettato in tutta Europa...
14.05.2019
Mondo