Svizzera, 02 dicembre 2018

Una rete segreta di combattenti russi si addestra in Svizzera (tra cui anche a Lugano)

foto blick
È l'incubo di ogni governo occidentale: combattenti russi nel loro stesso paese. Sabotatori, provocatori, spie. Quello che potrebbe sembrare fantascienza, secondo il Blick che cita dei documenti dell'intelligence elvetica in suo possesso, in Svizzera è una realtà.

Per anni, il governo russo ha costruito cellule dormienti nel nostro paese. Mosca utilizza scuole sportive a Zurigo, Berna e Lugano, dove viene addestrata una rete di combattenti denonimata Systema. Gli ex combattenti dell'elite dei servizi segreti russi volano in Svizzera per dei cosiddetti "seminari". Nei palestre educano coloro che sono interessati al combattimento di strada e danno lezioni di coltello e tiro.



Quanto è serio il pericolo proveniente dall'Oriente, lo dimostrano degli estratti di un documento segreto, che ha creato il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC). Di conseguenza, la rete Systema serve tra le altre cose per "moltiplicare la forza al di fuori dei normali accordi di disarmo da parte di un gruppo di comando non riconosciuto". Obiettivo: "causare disordini e incertezza nell'area bersaglio", così come reclutare "élite future". Il ISC scrive di un'influenza finanziaria e ideologica da parte delle autorità russe. La quinta colonna di Vladimir Putin in Svizzera.

Il collegamento centrale a Zurigo

Negli ultimi anni, le cellule Systema sono emerse in tutta Europa. In Svizzera, le attività sono concentrate a Zurigo, Berna e Lugano. Il collegamento centrale è una palestra di Zurigo.

I suoi membri si incontrano regolarmente in un centro di addestramento a Regensdorf. Le riprese video mostrano le lezioni: esercitazioni militare, soffocare, imparare a uccidere.
Il logo del club: la testa di un lupo, il segno della Wolf-Holding di Mosca. La holding è un mix di società di sicurezza e di arti marziali, che ha invitato diversi istruttori Systema di alto rango all'Europa occidentale.



Anche loro viaggiano in Svizzera. Uno di questi è Denis Ryauzov, uno dei dirigenti della Wolf-Holding. Tiene regolarmente corsi di combattimento a Zurigo e Lugano, per lo più in uniforme, con una bandiera della Russia cucita alla sua manica. La scuola di Regensdorf lo elenca sul loro sito web come «capo istruttore».

Ryauzov era un combattente d'élite nei Speznas, un'unità speciale del Servizio di intelligence militare russo (GRU). Inoltre, gli Stati Uniti sorvegliano Ryauzov per "attività separatista" nell'Ucraina orientale.

Collegamenti con i servizi segreti russi

Anche nelle scuole Systema di Berna che si sono formate negli ultimi anni, alcuni ex combattenti delle forze speciali russe altamente decorati comandano, tra cui Vladimir Vasiliev e Mikhail Ryabko. Quest'ultimo è considerato uno stretto consigliere del Ministro della giustizia russo oggi - e quindi direttamente subordinato a Putin. Nei primi anni addestrò i combattenti per le truppe Spezna.

Non è chiaro chi tira le fila nella scena svizzera di Systema. Ci sono tuttavia delle indicazioni. Il nome D.Z viene menzionato nei documenti della SIC. on. Dirige il club di arti marziali di Regensdorf ed è considerato una figura centrale. Ci sono foto sul SonntagsBlick che mostrano i suoi contatti con il personale militare russo. Si sarebbe incontrato in Germania con Gennady Nikulov, il capo della Russian Wolf Holding. Nikulov èricercato anche dagli Stati Uniti, anche lui a causa delle attività separatiste nell'Ucraina orientale. Attualmente è vicepresidente dei separatisti russi nella città di Sebastopoli nella penisola della Crimea.
Tutte le scuole Systema in Svizzera hanno collegamenti con i servizi segreti russi

A Mosca imparano come gestire gli esplosivi

I giornalisti tedeschi e l'esperto russo Boris Reitschuster non sono sorpresi da ciò che rivelano I documenti del SIC. È stato il primo a parlare pubblicamente del pericolo della rete Systema in Europa. Nel suo libro pubblicato nel 2016 intitolato "Putin's Covert War: come Mosca destabilizza l'Occidente", descrive come questi club reclutano collaboratori per la Russia, come poliziotti o guardie di sicurezza.

Alcuni di loro sono reclutati alla fine dei corsi. Viaggiano a Mosca e imparano come trattare con esplosivi e armi. Solo in Germania si dice che circa 300 persone abbiano completato questo addestramento. Reitschuster dice: "Queste truppe da combattimento in Occidente sono un pilastro della guerra segreta di Putin".

L'esperto di intelligence Dmitry Khmelnitsky è d'accordo. "Ora ci sono diverse centinaia di filiali Systema in tutto il mondo", dice. E avverte: "Le scuole devono essere meglio controllate dalle autorità". La tattica per costruire truppe nemiche in Occidente era ben consolidata e risaliva ai tempi dell'Unione Sovietica. "Questi gruppi dovrebbero rimanere mascherati fino a quando non riceveranno un ordine per attivarsi".

Che le attività dei russi vadano oltre la preparazione, lo provano informazioni in possesso del SIC. Nel documento segreto si menzionano le manovre di spara militare nelle alte montagne svizzere. Il servizio di intelligence non vuole commentare questo. La portavoce Caroline Bohren dice solo che le scuole di combattimento russe si trovano sul loro sul radar.

Guarda anche 

Quando gli stranieri guadagnano più degli svizzeri

La remunerazione dei lavoratori stranieri solleva in genere il timore di una pressione al ribasso. Ma in alcune attività dell'economia svizzera, gli stranieri ...
16.02.2019
Svizzera

L'immigrazione è aumentata nel 2018 (nonostante l'entrata in vigore dell'iniziativa contro l'immigrazione di massa)

Nel 2018, oltre 140'000 persone sono immigrate in Svizzera, l'1,7% in più rispetto all'anno precedente. Questo nonostante l'entrata in vigore della...
15.02.2019
Svizzera

"Al Consiglio federale piace farsi prendere in giro dall’Italia? A noi no"

"Sconcerto, ma nessuna sorpresa". La Lega dei Ticinesi, in un comunicato trasmesso ai media, prende posizione sulla risposta del Consiglio federale all'inte...
14.02.2019
Ticino

La Svizzera potrebbe presto finanziare un sistema militare francese

Il nuovo capo del Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), Jean-Philippe Gaudin (a sinistra nella foto), vorrebbe che la Svizzera partecipas...
14.02.2019
Svizzera