Sport, 20 novembre 2018

“A Napoli mi presero a pugni per farmi firmare il trasferimento”: De Guzman racconta il suo addio forzato

Il centrocampista, ora in forza all’Eintracht Francoforte, ha evidenziato un brutto episodio avvenuto nel 2015 quando giunse alle mani con Giuntoli, dirigente dei partenopei

FRANCOFORTE (Germania) – Sono passati tre anni e Jonathan De Guzman, che nel frattempo non ha dimenticato l’episodio, ha voluto raccontare il violento diverbio avvenuto nel 2015 con il dirigente del Napoli, Giuntoli.

Reduce da un infortunio e messo ai margini del progetto azzurro, l’olandese non voleva accettare un’offerta del Bournemouth, arrivando a confrontarsi con lo stesso dirigente dei partenopei. Una discussione trasformatosi poi in rissa: “Improvvisamente mi ha dato un pugno in faccia e sono impazzito – ha raccontato – Abbiamo iniziato a litigare, volavano anche le sedie”.

“Giuntoli si è arrabbiato e il suo assistente mi ha detto: “Ascolta se non firmi si arrabbierà molto, se non firmi sarai morto per il Napoli e non giocherai più””, ha continuato. E in effetti andò proprio così: da quel momento in poi l’olandese non scese più in campo, andando in prestito al Carpi e al Chievo prima di volare in Germania.

“Quando è scoppiata la rissa c’era anche Zuniga con me – ha concluso De Guzman – Mi diceva “dai, prendi le tue cose e vai a casa””.

Una lite furiosa che ha rischiato di mettere anche fine alla carriera del centrocampista e ora, invece, a Francoforte sta dando il meglio di sé: “Sento che sto giocando il mio calcio migliore e sono orgoglioso. Soprattutto dopo quello che mi è successo”.

Guarda anche 

20 sconfitte di fila con lui in campo: che disastro per Grealish

BIRMINGHAM (Gbr) – È vero che nel calcio si può vincere ma anche perdere, ma quando si esagera… entra in ballo anche la cabala. Provate a doman...
19.08.2019
Sport

Scontri prima del derby: 3 morti e 4 calciatori feriti

TEGUCIGALPA (Honduras) – 3 morti e 7 feriti: questo il bilancio provvisorio degli scontri avvenuti prima della sfida tra Olimpia-Motagua a Tegucigalpa, in Honduras....
19.08.2019
Sport

Svizzera, l’hockey riempie il cuore: per calcio e tennis non c’è gloria

LUGANO – Che l’hockey fosse lo sport nazionale per antonomasia lo si sapeva, che per gli altri sport non ci fosse praticamente storia, però era diffici...
04.08.2019
Sport

L’ex Lugano Mariani “trova l’America”… a Dubai

DUBAI (Emirati Arabi Uniti) – Due anni vissuti con la maglia del Lugano sulle spalle, due anni contraddistinti da 13 reti in bianconero e 16 assist in campionato, D...
01.08.2019
Sport