Ticino, 29 ottobre 2018

Rissa tra asilanti a Chiasso, Pantani: "Risultato del far entrare tutti"

Per la municipale di Chiasso Roberta Pantani la rissa di ieri che ha visto coinvolto un gruppo di richiedenti l'asilo ospiti del Centro di registrazione (vedi articoli allegati) non è che la conseguenza di un sistema di asilo "che fa entrare tutti" e che solo in un secondo luogo verifica se il richiedente abbia motivi fondati per chiedere asilo. "Fino a quando la regola è che tutti hanno diritto di entrare poi si vedrà se il diritto di asilo verrà concesso ci ritroveremo con situazioni simili" scrive Pantani, raggiunta per un commento.

Ciò che è accaduto "non è altro che l'ennesima dimostrazione che i centri di registrazione e di procedura così organizzati non funzionano" afferma la la vicesindaco della cittadina di confine, che ricorda come non sia la prima volta che succedono fatti simili. Inoltre, Pantani lascia intendere in futuro la situazione del basso mendrisiotto in materia di richiedenti l'asilo potrebbe ancora peggiorare: "a Chiasso nel Centro di registrazione oggi ci sono 134 posti e la situazione la conosciamo…riflettiamo invece su cosa potrebbe succedere nel nuovo Centro sul Pian Faloppia, dove i posti saranno oltre 350…”.

Guarda anche 

Il paradosso dei paesi europei, rifiutano i cristiani perseguitati

 Una guerra, quella in Siria, che inizia ad occupare più i libri di storia che le pagine dell’attualità. Oramai i dubbi principali rigu...
11.02.2019
Mondo

Italia, rivolta dei migranti: non gradiscono il cibo del catering

Una cinquantina di richiendenti l'asilo ha inscenato una protesta contro la società che si occupa di distribuire i pasti all'interno di un centro d'acc...
07.02.2019
Mondo

Uccide la sua ragazza perchè si rifiuta di convertirsi all'islam, condannato a 15 anni di carcere

L'immigrato clandestino afghano Ahmad S. è stato riconosciuto colpevole di omicidio dal tribunale distrettuale di Flensburg nello Schleswig-Holstein, inel nord...
07.02.2019
Mondo

Centinaia di rifugiati sono andati nel loro paese d'origine dal 2015 (ma pochi sono stati sanzionati)

I rifugiati riconosciuti hanno il diritto di viaggiare all'estero- con una sola eccezione: il ritorno nel paese da cui sono fuggiti non è permesso. Chiunque lo...
06.02.2019
Svizzera