Sport, 15 settembre 2018

Alcool, pillole e attacchi di panico: il racconto schock di Robin Lehner

Il portiere degli Islanders ha voluto raccontare la sua storia: per combattere i “demoni” ha bevuto una scatola di birra e ha assunto diversi sonniferi

NEW YORK (USA) – Forte, glaciale e preciso sul ghiaccio, Robin Lehner – portiere dei New York Islanders – ha voluto raccontare tramite un blog l’altro lato della medaglia, quello che lo ha colto lo scorso 29 marzo quando, vestendo la maglia dei Buffalo Sabres, ha avuto una crisi di panico totale.

“Quando è suonata la sirena che decretava la fine del secondo tempo, siamo tornati nello spogliatoio e mi sono seduto – ha detto Lehner – A malapena riuscivo a togliermi l’attrezzatura, ho avuto un grave attacco di panico, pensavo fosse un infarto… non sapevo cosa aspettarmi, ma sicuramente non potevo tornare sul ghiaccio”.

Lehner è stato così invitato dalla sua squadra a tornare a casa, ma sulla strada di ritorno ha comprato una cassa di birra che ha consumato la notte insieme alla moglie: “Devo andare via”, sono state le sue parole.

Quella è stata l’ultima partita giocata dal portiere con la maglia dei Sabres. A quella serata ha fatto seguito un lungo periodo di riabilitazione, dove è stato curato per la dipendenza da alcol e farmaci, e gli sono state riscontrate alcune forme maniacali, tra cui un trauma bipolare.

Lehner, inoltre, ha affermato che ci vollero tre settimane per disintossicarsi, e in seguito ha iniziato a occuparsi di una battaglia personale “in merito alle mie esperienze infantili di abuso, di dipendenza e di malattie mentali”.

Tramite il trattamento il goalie ha capito che i suoi problemi mentali non hanno solo influenzato il modo in cui ha vissuto fuori dal ghiaccio e con la famiglia, ma anche le sue prestazioni sportive. "Con quelle oscillazioni maniacali, ho potuto vedere lo schema – ha spiegato – Quando ero di buon umore, ero un portiere solido, durante lo stato depressivo, non tanto."

A 27 anni Lehner ha firmato da free-agent in estate con gli Islanders ed è pronto a disputare la sua nona stagione in NHL e a “combattere ciò che mi sta di fronte”.

Guarda anche 

La MANI International deve 110mila franchi al Lugano. La collaborazione proseguirà?

LUGANO – L’Hockey Club Lugano avrebbe un credito di circa 110mila franchi con quello che solo poco più di una stagione orsono, è stato presentat...
09.08.2019
Sport

Pazzesco: presenta all’antidoping l’urina dell’amica. Squalificato perché… incinto!

GRAVELINES (Francia) – Sapeva che non avrebbe superato il test antidoping della FIBA e così, DJ Cooper playmaker statunitense, ha deciso di presentare un cam...
04.08.2019
Sport

Svizzera, l’hockey riempie il cuore: per calcio e tennis non c’è gloria

LUGANO – Che l’hockey fosse lo sport nazionale per antonomasia lo si sapeva, che per gli altri sport non ci fosse praticamente storia, però era diffici...
04.08.2019
Sport

Lasciato dalla moglie durante il Giro d’Italia con una telefonata: Cimolai racconta il suo periodo nero

“È stato il giorno più brutto della mia vita. Scoprire che la donna che ami ha perso la testa per il suo nuovo datore di lavoro, un grosso imprenditor...
02.08.2019
Sport