Mondo, 05 agosto 2018

Attenzione a fischiettare per strada. Controllate non ci sia una donna vicino, potrebbe costarvi 750 euro

L`Assemblea Nazionale francese ha approvato la nuova legge contro le «molestie in strada». La multa può arrivare fino a 750 euro.

Con 92 voti favorevoli e 8 astenuti il parlamento francese ha approvato la nuova legge che ha l`obiettivo di rafforzare le misure per evitare gli abusi, introducendo punizioni per violenze sessuali e sessiste.
Ma cosa sono queste violenze? Un fischio di apprezzamento o un commento ritenuto «osceno» sarebbero sufficienti a far scattare la contravvenzione. Quelle che vengono definite «molestie in strada» potranno essere multate con 750 euro.

Alla nuova legge non è stata risparmiata qualche critica. Nel Governo alcune voci hanno denunciato di voler metter fine al romanticismo francese. In effetti la linea rossa per definire una molestia è molto sottile, quali commenti o apprezzamenti saranno definiti molesti e quali no?
Questa legge avrà sicuramente degli effetti importanti sui comportamenti sociali; prima di approcciare una ragazza o una donna servirà una buona dose di coraggio, se la «lei» non dovesse apprezzare potrà costarvi caro.

Guarda anche 

UBS dovrà consegnare i dati di oltre 40'000 suoi clienti alla Francia

Il Tribunale federale (TF) ha deciso, con 3 giudici contro 2, che UBS dovrà consegnare a Parigi i dati personali riguardanti più di 40'000 dei suoi suoi...
27.07.2019
Svizzera

Svizzero viene ritrovato decapitato in Francia a pochi metri dal confine

Mercoledì, intorno alle 14:30, un impiegato comunale ha scoperto ai margini di un campo un corpo di uomo decapitato, rivela il portale francese "Le Dauphin&ea...
25.07.2019
Mondo

Tifosi algerini in Francia festeggiano la vittoria della nazionale causando disordini e scontri. Morta una donna

Dopo la qualificazione dell'Algeria nelle semifinali della Coppa d'Africa del 2019 migliaia di tifosi algerini sono scesi in strada in tutta la Francia per celebr...
13.07.2019
Mondo

Si inventava posti di lavoro fittizi in Svizzera per ricevere le indennità, arrestata funzionaria francese

Una impiegata del “Pôle Emploi” (l'equivalente francese degli URC svizzeri) di Pontarlier, comune francese al confine con il Canton Vaud, è s...
11.07.2019
Mondo