“Lugano, spostamento temporaneo del DSU: un’altra spesa inutile a carico dei cittadini”

“Lugano, spostamento temporaneo del DSU: un’altra spesa inutile a carico dei cittadini”

In questi giorni sui media si è parlato di un messaggio arrivato da poco sui banchi del Consiglio Comunale che concerne la richiesta di 525’000 CHF per lo spostamento temporaneo della Divisione Spazi Urbani e della Sezione della Manutenzioni del Dicastero Immobili presso i sedimi di Viganello ex PTT.

La richiesta di questo importo, che in realtà serve solo per la progettazione e non per la costruzione (si parla di un costo totale futuro di ca. 7-8 milioni), non mi trova d’accordo.

Obiettivamente non me la sento di appoggiare un messaggio dove verranno spesi ulteriori soldi dei contribuenti per un’infrastruttura che verrà poi utilizzata per un periodo limitato di tempo. Purtroppo lo sappiamo tutti che i tempi della politica sono molto lunghi e, proprio per questo motivo, sarebbe auspicabile capire per quanti mesi o anni effettivamente il DSU si dovrà spostare da Via Sonvico.

A mio avviso anche la scelta di trasferire a Viganello la sede mi vede abbastanza contrario. In effetti il luogo scelto da parte del Municipio non si addice ad una sede dove è necessario muovere quotidianamente e nei fine settimana autocarri e autoveicoli o, come accade in inverno, spargisale e cale della neve.

Dall’inizio di via Emilio Rava e soprattutto in Via G.Guisan vi sono parecchi edifici abitativi nonché la presenza di una scuola elementare. Immaginatevi di abitare in uno dei palazzi accanto all’ipotetica nuova sede provvisoria del DSU e alle quattro del mattino sentire partire la cala della neve o gli spargisale? Prevedo facilmente dei ricorsi da parte degli abitanti di quelle aree che potrebbero bloccare per mesi l’inizio dei lavori e, nel frattempo i tempi della politica si allungherebbero ancora di più.

Andrea Sanvido, consigliere comunale Lega dei ticinesi