“La Svizzera che non tutela gli svizzeri: gli stranieri in disoccupazione senza problemi, mentre io…”

“La Svizzera che non tutela gli svizzeri: gli stranieri in disoccupazione senza problemi, mentre io…”

Oggi mi sento in dovere di denunciare un sistema che, ahimé, non tutela il cittadino Svizzero e residente, ma che tutela tutti gli altri. Immigrati, frontalieri, frontalieri con residenze fittizie, stranieri con permessi B che, solo dopo un anno di lavoro beneficiano di servizi che IO pago.

Sono una cittadina Svizzera, nata da genitori Svizzeri e che ha sempre lavorato. Negli ultimi due anni, ho esercitato una professione non mia, ho imparato un nuovo mestiere, facendo parecchi sacrifici, pur di non dar peso ad una società nonostante ne avessi tutti i diritti.

Il problema purtroppo è che ho lavorato per conto di mio marito; nonostante fossi stata assunta regolarmente con tanto di stipendio dichiarato e dimostrato. Questo purtroppo è un grosso problema: lavorare, pagare i contributi, essere in regola ma essere assunta come dipendente di una società in cui l’unico amministratore è il marito. A Lugano i tempi d’oro sono ormai finiti, e quindi a malincuore sono stata licenziata per mancanza di lavoro.

Così, pagando mensilmente i contributi ( ) e credendo di averne tutti i diritti, mi sono iscritta in disoccupazione, consegnando una serie infinita di documenti, estratti conto, buste paga, certificati di nascita e ricerche di lavoro, ma oggi ricevo la sorpresa.

Da Bellinzona ricevo una lettera dove viene scritto che la mia domanda di indennità è stata respinta in quanto il datore di lavoro è mio marito , questo secondo l’art ….. della Legge federale sull’assicurazione contro la disoccupazione.
Va bene che la legge federale non la posso né cambiare né tantomeno infrangere, però vorrei sottolineare alcuni fattori che non tollero ma soprattutto incoerenti.

In primis, per quale motivo, mensilmente mi vengono addebitati dal mio stipendio i contributi, quando poi non ho il diritto di beneficiarli come in questo caso di estremo bisogno . Poi vorrei capire il motivo per cui non vengono effettuati controlli assidui a frontalieri con residenze fittizie nel nostro Cantone.

Poi per quale motivo non viene applicata una legge nel quale le persone con il permesso B possono aver diritto alla disoccupazione esclusivamente dopo un periodo di almeno 3 anni di lavoro/ residenza in Svizzera e non solo dopo 12 mesi, ma soprattutto nel caso in cui dovessero perdere il lavoro la revoca immediata del permesso.

È una VERGOGNA, che i cittadini Svizzeri/residenti non sono tutelati ,quando siamo i primi a pagare per mantenere gente che nemmeno dovrebbe avere il diritto di usufruire dei nostri servizi, ed IO con una famiglia a carico non resta altro che indignarmi, provare vergogna per questo paese, e dar voce a questo scempio.

VS