Svizzera, 10 gennaio 2019

Fino a 6'000.- senza lavorare, ecco quanto riceve chi è in assistenza

In Svizzera tedesca sta infammiando il dibattito intorno all'assistenza, dopo che diversi cantoni hanno deciso, o stanno discutendo, di rivedere al ribasso gli importi destinati ai beneficiari dell'assistenza, misura che la la Conferenza svizzera delle istituzioni dell’azione sociale (COSAS) ha condannato sostenendo che la situazione attuale è già al limite e non vi sarebbero margini per ridurre gli importi destinati a chi è in assistenza. Dal canto loro, i partiti favorevoli a tali ribassi, in primis UDC e PLR, sostengono che chi è in assistenza riceve abbastanza e che ridurre gli importi servirebbe a spingere i beneficiari di prestazioni assistenziali a cercare lavoro.

Ma quanto riceve esattamente chi è in assistenza? I cantoni sono teoricamente indipendenti nel decidere quanto dare ma per calcolare gli importi si usa quale base le direttive del COSAS che non sono legalmente vincolanti ma a cui comunque la maggioranza dei cantoni si attiene, chi più e chi meno. La tabella sopra, pubblicata dal Blick, corrisponde alle direttive della COSAS e dà un'idea di quanto riceve una persona in assistenza. Come si può vedere si parte da un importo che parte dai 2'625.- per una persona sola, fino a 6'015.- per una famiglia con quattro figli. I dati esatti per cantone non sono, a nostra conoscenza, disponibili e non sappiamo quanto e se il canton Ticino si discosta dalle direttive della COSAS ma da notare che appena due giorni fa il direttore del dipartimento della sanità e socialità Paolo Beltraminelli si è vantato sui social network di aver rivisto al rialzo gli importi destinati a chi è in assistenza.

Per chi non masticasse il tedesco "Grundbedarf" significa necessità di base, "Miete" è l'affitto, KVG è la cassa malati, "situationsbedingte Leistungen" sono i costi situazionali. L'importo totale, calcolato in base al numero di persone, si trova in fondo alla tabella.

Guarda anche 

Ristorni: il teatrino dei Pupi di KrankenCassis e Moavero

Questa non è più nemmeno politichetta: questa è solo scenografia. Alla fregnaccia della decisione entro la primavera non ci crede nemmeno il Gigi di ...
21.01.2019
Svizzera

L'europarlamentare tedesco: "La Svizzera può dimenticarsi che si tocchi la libera circolazione"

Secondo l'europarlamentare Elmar Brok, la Svizzera avrebbe "paura di sè stessa" per quel che concerne il futuro delle relazioni tra il nostro paese e...
21.01.2019
Svizzera

Presto asili nido in caserma e vestiti più femminili per spingere le donne a fare il militare?

Il servizio militare continua a essere una cosa quasi solo per uomini. Lo confermano gli ultimi dati relativi all'ultima scuola reclute: sui 11'200 militi che han...
21.01.2019
Svizzera

La Svizzera ponga fine alla complicità con il terrorista rosso!

Cassis e Keller Sutter (PLR) si attivino! E le norme che impediscono le estradizioni di svizzeri di carta si possono anche cambiare quando ci sono di mezzo terroristi ass...
20.01.2019
Svizzera