Sport, 10 gennaio 2019

Un silenzio assordante, una classifica preoccupante. Cosa succede a Lugano?

I bianconeri hanno davanti a sé tre partite decisive per il loro cammino verso i playoff, ma col passare dei giorni le preoccupazioni si fanno sempre più grandi

LUGANO – Zurigo in casa, Rapperswil in trasferta e Friborgo alla Cornèr Arena: da venerdì 11 gennaio a venerdì 18 gennaio il Lugano si gioca molto, se non tutto, in vista della disperata rincorsa verso i playoff. I bianconeri non possono permettersi di perdere nessuna di queste tre partite – dopo ci sarà la trasferta di Berna – se vogliono tenere accese le speranze di risalire la china.

Eppure il Lugano, anche nella trasferta di Zurigo, ha mostrato di saperci fare, di avere i numeri per poter lottare, disputando un ottimo primo tempo, mettendo pressione e in chiara e palese difficoltà i Lions. Ma ancora una volta, incassato il proprio “schiaffo” tutto il castello è andato in frantumi, anche a causa di errori grossolani e ingiustificabili come in occasione del 4-2 di Bodenmann.

Cosa fare allora? Come affrontare questa crisi che dura da settembre? Come arginare queste difficoltà? Come provare a cambiare il destino di una stagione mai davvero decollata? Se lo sapessimo, forse, non saremmo dei “semplici” giornalisti, non saremmo qui ad analizzare e raccontare il cammino del Lugano in quello che sembra il campionato più complicato degli ultimi anni, contraddistinti sì da cambi in panchina, ma anche da semifinali e finali disputate…

Ma forse la risposta è più semplice del previsto: ci vuole una scossa! Una scossa che parta dai giocatori (che però sembrano abulici quando le cose iniziano a non girare per il verso giusto), o dall’allenatore – che a sua volta sembra non riuscire a far passare il suo messaggio, oltre a rilasciare alcune dichiarazioni che sorprendono un po’ tutti (avete presente le “30 occasioni create” nel derby?) – o dalla società che invece resta immobile, forse distratta e in silenzio, almeno verso l’esterno. Certo “i panni sporchi si lavano in casa”, ma è evidente che in questo caso “la lavandaia” non stia facendo appieno il suo lavoro.

In passato si è agito cambiando l’allenatore, questa volta il club sta provando a dare fiducia a Ireland. Ci aveva provato anche con Shedden, quando nel 2016 alcune vittorie colte a dicembre gli avevano dato un po’ di ossigeno, prima dell’ovvio e imprescindibile licenziamento giunto a gennaio 2017. Anche Ireland sembra restare al suo posto per il momento, ma è ovvio che se il trittico di partite che il Lugano disputerà nei prossimi 9 giorni non darà i suoi frutti, andare avanti così risulterà impossibile. Anche solo tenendo conto dei punti, della classifica, del distacco dalla fatidica linea e del malcontento generale che si sta facendo sempre più rumoroso tra i tifosi.

In caso di caduta fragorosa al termine della stagione, siamo sicuri che il numero degli abbonati resterà intatto l’anno prossimo….?

Guarda anche 

Sadiku, al cuore non si comanda

LUGANO – Una visita medica, un ammiccamento che andava avanti da diverso tempo, un amore che non è mai finito. Ecco perché Armando Sadiku è orm...
15.01.2019
Sport

Rissa con accoltellamento al Maghetti, in manette un 28enne albanese

In relazione alla rissa con accoltellamento avvenuta il 21 ottobre del 2017 all'esterno del Quartiere Maghetti di Lugano, il Ministero pubblico, la Polizia cantonale ...
14.01.2019
Ticino

“La rivalità sportiva col Lugano fa bene!”

MASSAGNO - Quando parla della sua SAM Massagno Luigi Bruschetti non riesce a nascondere una certa emozione. Lo capiamo, visto che sono ormai 25 anni che è all...
14.01.2019
Sport

3 punti d’oro, ma il Lugano non è ancora guarito

LUGANO – Gregory Hofmann ha messo a segno la rete della vittoria, Elvis Merzlikins ha parato tutto quello che poteva e il Lugano, finalmente, è tornato alla ...
13.01.2019
Sport