Mondo, 04 gennaio 2019

Nave Sea Watch 3: in arrivo il sostegno e le nuove richieste di aprire i porti

“Da 14 giorni la nave attende l’assegnazione di un porto sicuro per le 32 persone, donne, uomini e bambini, salvate del Mediterraneo centrale il 22 dicembre”

LA VALLETTA (Malta) – Sea Watch e Mediterranea sono partite questa mattina con due imbarcazioni da Malta per portare sostegno alla Sea Watch 3 “che ormai da 14 giorni attende l’assegnazione di un porto sicuro per le 32 persone, donne, uomini e bambini, salvate nel Mediterraneo centrale il 22 dicembre”.

Lo si apprende da una nota dell’Alleanza United4Med, nella quale viene spiegato che la missione “ha tra i suoi scopi quello di portare supporto logistico e materiale alla nave, permettere ai parlamentari tedeschi di rendersi conto della situazione a bordo e spingere gli Stati europei, a cominciare da Malta e dall’Italia a dare un porto sicuro, come il diritto del mare prevede, alle 49 persone soccorse sia dalla Sea Watch 3 che dalla Professor Albrecht di Sea Eye”.

Il comunicato continua chiedendo “ai sindaci delle città d’Europa, alle realtà associative, ad ogni singola persona che crede in un futuro di giustizia e umanità di sostenere queste richieste”.

Guarda anche 

L'imam espulso: "Vi uccideremo ​e mangeremo i vostri cadaveri"

Detenuto nel carcere di Padova per una brutale rapina, nel giro di breve tempo era riuscito ad imporsi come l'imam del carcere della città italiana, estromette...
15.01.2019
Mondo

Battisti, l’asse Bolsonaro-Salvini simbolo dell’internazionale sovranista

Cesare Battisti è in volo verso l’Italia. Anni di latitanza segnati da fughe, depistaggi e protezione da parte dei governi di sinistra, sono finiti la s...
14.01.2019
Mondo

Il terrorista Cesare Battisti arrestato in Bolivia, il "piccolo regalo" di Bolsonaro a Salvini

Il terrorista italiano Cesare Battisti è stato arrestato in Bolivia questa notte (tra sabato e domenica) e tornerà a breve in Brasile, da dove è prob...
13.01.2019
Mondo

Alla "Provincia di Como" se la sono presa per gli italiani licenziati, "si potrebbe ipotizzare un autolicenziamento di massa dei frontalieri"

A qualcuno nella redazione de la "Provincia di Como" non sembra decisamente essere andata giù la vicenda dei due frontalieri italiani licenziati per aver...
11.01.2019
Mondo