Svizzera, 15 dicembre 2018

La Francia pagherà i 300 milioni dei frontalieri entro la fine dell'anno (e qualcuno vuole sanzionare il ritardo)

In Romandia, diversi cantoni e comuni stanno ancora aspettando la retrocessione delle imposte dei lavoratori frontalieri dalla Francia. Come già avevamo scritto (vedi articoli allegati) il pagamento doveva essere stato effetuato prima del 30 giugno.


Ma finalmente qualcosa sembra muoversi. "Il capo del Dipartimento federale delle finanze (DFF) Ueli Maurer mi ha detto che la somma sarebbe stata pagata prima della fine dell'anno", ha dichiarato il consigliere di Stato Pascal Broulis all'Agenzia telegrafica svizzera, dichiarazioni riprese da "20minutes".

Per i cantoni interessati, ciò rappresenta oltre 300 milioni di franchi, di cui quasi 120 milioni per il solo Vaud. A titolo di paragone, i ristorni delle imposte dei frontalieri versati all'Italia dal canton Ticino ammontavano nel 2018 a 82,5 milioni.

Questi ritardi sono problematici per alcuni comuni, in particolare i comuni limitrofi. Una risoluzione, un'interpellanza e un postulato sono stati presentati martedì al Gran Consiglio Vaud.

Sanzionare i ritardi

Questa non è la prima volta che queste retrocessioni si verificano in ritardo. Il cantone di Vaud propone quindi di introdurre nell'accordo sanzioni per i ritardi di pagamento.

Il Dipartimento delle finanze diretto da Maurer ha indicato che studierà l'idea, ha aggiunto Pascal Broulis. Il Consiglio di Stato ricorda che questa convenzione risale agli anni '80, quando il numero dei lavoratori transfrontalieri era ancora piccolo. "Non siamo più nella stessa situazione" conclude Broulis.

Guarda anche 

Brexit: accordo con l'UE nettamente respinto dal parlamento britannico

Per la premier britannica Theresa May si trattava oggi del giorno più lungo: la Camera dei Comuni votava infatti sull'accordo con l'Unione europe...
15.01.2019
Mondo

La nuova vita dell'ex brigatista Alvaro Baragiola: lavora all'Università di Friborgo

“Lasciatemi stare”. Poche parole e un “no comment” convinto. Si è rivolto così ai giornalisti di Tio.ch Alvaro Lojacono Baragiola, u...
15.01.2019
Svizzera

Fatture caotiche da parte della società che sostituisce la Billag

A partire dal 2019 non sarà più la Billag a riscuotere la fattura per il canone radiotelevisione ma Serafe. Un cambiamento che però non sembra essere...
15.01.2019
Svizzera

Bertoli sul Cardiocentro: "Deve finire nell'EOC, come previsto 25 anni fa"

La vertenza tra il Cardiocentro e l'Ente ospedaliero cantonale continua a tenere banco. In attesa di conoscere il suo destino, questa mattina, l'Ospedale del cuor...
15.01.2019
Ticino