Mondo, 06 dicembre 2018

Nella Germania di Angela Merkel dove i mercatini di Natale sembrano basi militari

Galleria fotografica

Dopo l'attacco terroristico del 19 dicembre 2016 in cui un terrorista islamico uccise 11 persone e ne ferì 56 guidando un camion in un mercatino di Natale a Berlino, le autorità tedesche da allora hanno cominciato a recintare ogni mercatino di Natale con dei blocchi di cemento, che la popolazione tedesca ha soprannominato "Merkellego" per la loro forma che richiama i celebri mattoncini.

Il problema è che se da una parte questi blocchi di cemento potranno probabilmente evitare che dei veicoli entrino nei mercatini, dall'altra il loro effetto politico e psicologico è evidente, dal momento che ricorda alla popolazione i problemi di criminalità e terrorismo che il paese deve far fronte in seguito al arrivo massiccio di immigrati negli scorsi anni.

E così diverse municipalità hanno deciso di rendere più creative le misure di sicurezza ai mercatini di Natale in modo che almeno dal lato visivo la scena a cui i tedeschi si trovano di fronte quando visitano i mercatini di Natale non sia deprimente quanto lo è stato negli scorsi due anni. Come a Ulm, in Baviera, dove le autorità hanno trasformato gli ormai tristemente celebri e politicizzati "merkellego" in blocchi di cemento a forma di uccello. Soluzioni meno felici a Berlino dove per nascondere, o decorare, i blocchi di cemento si è posto un albero di natale davanti. Nella gallery allegate trovate varie soluzioni con cui le autorità tedesche hanno cercato di minimizzare gli effetti visivi delle misure di sicurezza con soluzioni creative più o meno riuscite.

(Fonte foto: voiceofeurope.com, Twitter)
Galleria fotografica

Guarda anche 

Rissa in centro a Winterthur, giovane accoltellato e due arresti

Una rissa è scoppiata venerdì sera tra diversi uomini nel centro di Winterthur. Un 23enne svizzero è stato ricoverato a causa di ferite da taglio e d...
19.01.2019
Svizzera

Il terrorista Baragiola rompe il silenzio: "Pronto all'ergastolo se l'Italia dovesse chiederlo"

In un'intervista pubblicata oggi dal portale Ticinonline l'ex brigatista Alvaro Baragiola rompe il silenzio a proposito della sua latitanza e si dice pronto a sco...
18.01.2019
Svizzera

Si automutila per evitare la condanna e l'espulsione, senza successo

Il curioso stratagemma di uno studente indiano per evitare di essere condannato e espulso è stato presto smascherato dalle indagini degli inquirenti. Come riferisc...
17.01.2019
Svizzera

"La Svizzera consegni il terrorista Alvaro Baragiola alla giustizia italiana"

In un comunicato stampa inviato ieri sera la Lega dei Ticinesi chiede che il terrorista Alvaro Baragiola, attualmente residente nel canton Friborgo dove lavora per l'...
16.01.2019
Svizzera