Svizzera, 04 dicembre 2018

Nuova legge sul CO2, alla cassa gli automobilisti (e forse anche i passeggeri d'aereo)

Da lunedì il Consiglio Nazionale ha iniziato i lavori sulla revisione della legge sul CO2. Una revisione che avrà conseguenze dirette sul portafoglio degli svizzeri, in particolare per gli automobilisti.

Perché questa revisione?

Nel 2015, la Svizzera ha firmato l'accordo di Parigi, che mira a contenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2 ° C, idealmente di 1,5 ° C, rispetto all'era preindustriale. Per raggiungere questo obiettivo, i paesi devono ridurre drasticamente le proprie emissioni di CO2, ciascuno a proprio piacimento. Emissioni dovute principalmente agli idrocarburi che vengono bruciati, sia per il trasporto, l'industria o il riscaldamento degli edifici. La Svizzera si impegna a ridurre le sue emissioni del 50% entro il 2030. Ha quindi messo in atto numerose misure. Queste misure saranno discusse in Parlamento attraverso la revisione della legge sul CO2.

Una tassa sulla benzina

La Svizzera ha uno dei parchi automobili più inquinanti in Europa. Da alcuni anni, il nostro paese ha adottato regolamenti europei che fissano una media massima di emissioni di CO2 per le nuove auto, ma ciò non è ritenuto sufficiente. "La Svizzera ha messo in piedi un sistema che è poco efficiente, e che coinvolge direttamente gli importatori", afferma il Consigliere nazionale Benoît Genecand (PLR / GE), relatore della commissione al portale romando Le Matin. Questi dovranno compensare nella nuova legge non più il 10% delle emissioni di CO2 dovute ai loro prodotti come oggi, ma al 90%. Inoltre, fino ad oggi, gli importatori dovevano solo compensare il 5% delle loro emissioni in Svizzera. Potrebbero doverlo fare fino al 20% nella nuova legge - che la commissione vuole - ma costerà di più. Tutto ciò influenzerà i prezzi del carburante. Ma le Camere stabiliranno un aumento da non superare.

5, 8, 10, 12 o 20 centesimi in più per litro di benzina?

La maggioranza della commissione vuole fissare il limite a 8 centesimi per litro di benzina. Una minoranza guidata dall'UCD sostiene un aumento di 5 centesimi, ma altri vogliono aumenti fino a 10, 12 o anche 20 centesimi. "A destra, diremo che solo un tetto basso garantirà l'attuazione della legge, perché oltre un aumento di 10 centesimi rischiamo un referendum. Ma a sinistra, si considererà che questo limite è insufficiente", spiega Benoît Genecand.

La consigliera nazionale Adèle Thorens (Verts / VD) conferma: "I Verdi volevano anzitutto, come il Consiglio federale, non fissare un tetto. Ma se ne abbiamo già bisogno, chiediamo un aumento di 20 centisimi, perché secondo uno studio del Consiglio federale, il costo delle misure di compensazione aumenterà nel tempo, soprattutto all'estero. Ma la vodese, che tiene un blog sulle questioni ambientali, sostiene che l'aumento dovrebbe essere accompagnato da alternative in modo che gli svizzeri non debbano soffrire di questo aumento, "altrimenti sarebbe ingiusto". Una proposta della Commissione richiede pertanto l'utilizzo di compensazioni, ad esempio per la costruzione di infrastrutture per ricaricare veicoli elettrici, una misura che però richiede grandi investimenti.

Aumento dei biglietti aerei?

La revisione della legge potrebbe anche essere accompagnata da un aumento dei biglietti aerei, che i Verdi vogliono. "I biglietti sono ora a prezzi ridicoli e non hanno nulla a che fare con il servizio fornito, né con il suo impatto ambientale", critica Adèle Thorens. Di conseguenza, le persone viaggiano ancora di più e le emissioni di CO2 nell'aviazione sono in una crescita esponenziale.

"Inoltre, uccidono le alternative di viaggio come i treni notturni" si rammarica la Verde. Il suo partito vuole introdurre una tassa sui biglietti, "come già fanno altri paesi europei". Per quanto riguarda l'importo, dovrebbe essere concordato con altri paesi perché "se la tassa è troppo alta, lo svizzero volerà dall'altra parte del confine, e se è troppo basso non servirà a niente". La somma raccolta attraverso questa tassa per Thorens potrebbe finanziare i treni notturni o la ricerca di combustibili più puliti.

Ma Benoît Genecand non crede che l'idea venga accettata dal plenum. "Ci sono argomenti rilevanti per dire che questo aumento avrà effetti solo se ampiamente applicato", spiega l'esponente liberale. Inoltre, le compagnie aeree si sarebbero unite per cercare di controllare le emissioni di CO2 del settore.

Aumento controverso anche sull'olio combustibile

Un altro argomento che rischia di creare discussioni è la proposta di aumentare la tassa CO2 sull'olio combustibile a 210 franchi per tonnellata a seconda dell'evoluzione delle emissioni, rispetto agli attuali 96 franchi. Non solo la destra combatte questo aumento, ma richiede più esenzioni. Oggi le aziende ad alta intensità energetica, quelle che emettono più di 100 tonnellate di CO2 all'anno, possono essere esentate dall'imposta. In cambio, devono impegnarsi a ridurre le loro emissioni di CO2, secondo criteri stabiliti da Berna. Ma la destra ritiene questi criteri arbitrari e burocratici. UDC, PLR e PPD si sono quindi uniti per rivendicare il diritto di esenzione per tutte le 600'000 aziende del paese.

Guarda anche 

La Francia pagherà i 300 milioni dei frontalieri entro la fine dell'anno (e qualcuno vuole sanzionare il ritardo)

In Romandia, diversi cantoni e comuni stanno ancora aspettando la retrocessione delle imposte dei lavoratori frontalieri dalla Francia. Come già avevamo scritto (v...
15.12.2018
Svizzera

Si licenzia dopo che il datore gli abbassa di un terzo lo stipendio, la disoccupazione lo punisce

Impiegato come rappresentante, Michel (nome di fantasia), 58enne vallesano, viene improvvisamente licenziato per l'azienda per cui lavora. Lo stesso giorno però...
13.12.2018
Svizzera

I rifugiati che tornano al loro paese perderanno il diritto all'asilo, ma con delle eccezioni (che hanno fatto infuriare l'UDC)

I rifugiati che fanno ritorno nel loro paese dovrebbero perdere il diritto di asilo in Svizzera. Il parlamento ha sì deciso di stringere la vite, ma alla fine il C...
13.12.2018
Svizzera

“Rimpatriate pure mia moglie e le mie figlie"

Madre e due figlie, erano arrivate in Svizzera nell’ambito di un ricongiungimento familiare con il marito e padre, un cittadino dello Sri Lanka cui nel 2014 era sta...
12.12.2018
Svizzera