Svizzera, 03 dicembre 2018

"La Svizzera non ha sviluppato una strategia chiara con l'Ue"

Da dieci anni la Svizzera non ha sviluppato alcuna chiara strategia nei confronti dell'Unione europea (Ue): lo sostiene senza tanti giri di parole Klaus Armingeon, Professore di politica europea all'Università di Berna, esprimendosi riguardo all'atteggiamento del Governo sul dossier dell'accordo quadro istituzionale.

Queste richieste sono "comprensibili e ragionevoli", ha detto ai giornalisti l'esperto politico europeo Klaus Armingeon domenica al microfono della stazione radiofonica SRF. Ai suoi occhi, "abbiamo aspettato troppo a lungo a Berna, non abbiamo sviluppato una strategia chiara e, quando ci siamo trovati sotto la pressione del tempo, abbiamo ingannato i sindacati che hanno risposto dicendo stop, questo che è comprensibile. Il problema è in Svizzera: "la Confederazione ha giocato troppo a lungo al gatto e al topo".

Via bilaterale "inefficiente"

Il percorso bilaterale non è un successo come la Svizzera vuole credere, afferma Klaus Armingeon. Crea un "doppio malessere" tra gli europei: gli accordi devono essere aggiornati regolarmente, il che richiede "molto sforzo" in una comunità di 28 stati membri. Inoltre, non è chiaro quali procedure di risoluzione delle controversie debbano essere applicate. Questo problema non è stato risolto poiché esistono gli accordi bilaterali e "ora abbiamo bisogno di un quadro", afferma il professore. L'UE non è più pronta a continuare in modo così inefficiente. Klaus Armingeon ritiene che la Svizzera non tenga conto del vero equilibrio delle forze. Ricorda che più della metà del commercio estero della Svizzera è con l'Unione europea, mentre l'Unione europea raggiunge solo il 6-8% con la Confederazione. "L'UE può fare a meno di noi, ma non possiamo fare a meno dell'UE", conclude l'esperto.  

Guarda anche 

Vietare gli esperimenti sugli animali, gli svizzeri saranno chiamati a decidere

Verosimilmente gli svizzeri saranno chiamati a decidere se rendere illegali le sperimentazioni sugli animali. "Le firme ci sono" afferma Renato Werndli, co-p...
17.12.2018
Svizzera

Il bizzarro comportamento di Juncker a una riunione del Consiglio europeo (VIDEO)

È stato decisamente bizzarro il comportamento del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker al suo arrivo a una riunione del Consiglio europeo tenut...
16.12.2018
Mondo

La Francia pagherà i 300 milioni dei frontalieri entro la fine dell'anno (e qualcuno vuole sanzionare il ritardo)

In Romandia, diversi cantoni e comuni stanno ancora aspettando la retrocessione delle imposte dei lavoratori frontalieri dalla Francia. Come già avevamo scritto (v...
15.12.2018
Svizzera

Effetto "gilet gialli"? Marine Le Pen vola nelle intenzioni di voto in Francia (mentre Macron sprofonda)

Uno dei tanti temi di discussione in Francia in queste settimane era quello su quale fosse il partito e il leader politico ad approffitare maggiormente della crisi a cui ...
15.12.2018
Mondo