Svizzera, 29 novembre 2018

Dal Consiglio degli Stati un primo sì (condizionato) al miliardo di coesione

Il Consiglio degli Stati ha approvato questa mattina il miliardo di coesione (in verità 1,3 miliardi) all'Unione europea. Ma ha dato un via libera condizionato, mentre il governo deve ancora tranciare sull'esito dei negoziati per un accordo quadro tra Berna e Bruxelles.

Il Consiglio federale ha presentato questo secondo contributo all'UE come gesto di buona volontà nei confronti di Bruxelles, sostegno che fa parte del desiderio del governo di concludere un accordo quadro con l'UE.

“Non esiste un legame formale tra contributo di coesione, equivalenza borsistica e negoziazione di un accordo quadro istituzionale con l'UE. Ma un legame politico tra tre oggetti è stato creato in realtà con il rifiuto di Bruxelles di concedere la Svizzera l'equivalenza borsistica”, ha osservato il presidente del comitato Filippo Lombardi (PPD / TI).

Una minoranza di esponenti di destra ha messo in discussione il merito di concedere tale sostegno all'UE in queste condizioni. Il Consiglio nazionale può naturalmente rifiutare il miliardo di coesione, ma la Camera dei Cantoni non può lasciarlo decidere al posto suo”, ha affermato Philipp Müller (PLR / AG).

In sede di commissione, il liberale-radicale ha sostenuto che è necessario che il contributo venga rilasciato solo se l'UE non adotti alcuna misura discriminatoria contro la Svizzera e che ci siano chiari segni di miglioramento dei rapporti bilaterali. Quest'ultima condizione è stata abbandonata nel desiderio di scendere a compromessi.

Guarda anche 

Vietare gli esperimenti sugli animali, gli svizzeri saranno chiamati a decidere

Verosimilmente gli svizzeri saranno chiamati a decidere se rendere illegali le sperimentazioni sugli animali. "Le firme ci sono" afferma Renato Werndli, co-p...
17.12.2018
Svizzera

Il bizzarro comportamento di Juncker a una riunione del Consiglio europeo (VIDEO)

È stato decisamente bizzarro il comportamento del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker al suo arrivo a una riunione del Consiglio europeo tenut...
16.12.2018
Mondo

La Francia pagherà i 300 milioni dei frontalieri entro la fine dell'anno (e qualcuno vuole sanzionare il ritardo)

In Romandia, diversi cantoni e comuni stanno ancora aspettando la retrocessione delle imposte dei lavoratori frontalieri dalla Francia. Come già avevamo scritto (v...
15.12.2018
Svizzera

Effetto "gilet gialli"? Marine Le Pen vola nelle intenzioni di voto in Francia (mentre Macron sprofonda)

Uno dei tanti temi di discussione in Francia in queste settimane era quello su quale fosse il partito e il leader politico ad approffitare maggiormente della crisi a cui ...
15.12.2018
Mondo