Mondo, 28 novembre 2018

Lo squat "più grande d'Europa" si trova nell'ex villaggio olimpico di Torino, "qui la polizia non entra"

foto fdesouche.com
Alla periferia di Torino, dove una volta c'era il villaggio olimpico, c'è uno squat gigantesco, che qualcuno ha definito "il più grande d'Europa". Lo si scopre grazie ad un reportage del quotidiano italiano "Il Giornale", che con una camera nascosta mostra lo stato fatiscente del quartiere torinese.


Gli occupanti, praticamente tutti migranti clandestini, hanno occupato negli scorsi anni tre edifici che furono costruiti per ospitare gli atleti ai Giochi Olimpici Invernali del 2006. Un mondo a sé stante che si estende su sei piani e scivola nelle profondità del seminterrato . In tutto, circa mille migranti vivono qui in condizioni igieniche e sanitarie pessime.


Un censimento preciso è impossibile, anche per le autorità. Sappiamo solo che il 95% sono uomini di età compresa tra 25 e 35 anni, molti dei quali sono clandestini, provenienti da Gambia, Mali e soprattutto dalla Nigeria.

I centri sociali hanno sostenuto questa occupazione illegale per anni e, a Torino, formano un asse in collaborazione con i migranti, quella che chiamano "resistenza" contro sgomberi ed espulsioni .

Il leader locale del Partito Democratico, Davide Ricca, commentà così la situazione: "I problemi più urgenti sono nel seminterrato dove si nasconde un covo di ricettazione e illegalità. I migranti sono stati espulsi ma presto hanno rioccupato i locali".

(...) "Non ho documenti, come tanti altri qui. Sono qui da quattro mesi, vivo negli scantinati ", spiega Bakar. Eppure il mondo sotterraneo del Villaggio Olimpico è stato espulso un anno fa. Le porte in acciaio installate come protezione sono state tuttavia distrutte e il vecchio mondo si è trasferito lì. Una massa infinita di oggetti, pneumatici e spazzatura gettati per terra.

Per gli italiani che ancora abitano nelle vicinanze, la situazione non è delle migliori. "ho subito una flessione del 30% dei clienti: legga le recensioni sui siti, scrivono che qui è come il Bronx" commenta il proprietario di un hotel. Le autorità locali intanto latitano, complice anche una decisione del tribunale che ha vietato al proprietario di liberare gli spazi di sua proprietà.

Entro un anno il comune punta a liberare un'altra palazzina, la seconda di quattro, non prima di aver trovato una sistemazione per tutti. Tante le difficoltà. A dicembre scorso il project manager che gestisce il progetto era stato preso a pugni. Gli uffici dei mediatori scassinati e danneggiati. Chiusi e riaperti dopo mesi ma, per ragioni di sicurezza, fuori dal villaggio.   

Guarda anche 

“Rimpatriate pure mia moglie e le mie figlie"

Madre e due figlie, erano arrivate in Svizzera nell’ambito di un ricongiungimento familiare con il marito e padre, un cittadino dello Sri Lanka cui nel 2014 era sta...
12.12.2018
Svizzera

Torna l'incubo del terrorismo islamico, morti e feriti a Strasburgo

Almeno 4 persone sono rimaste uccise e 11 ferite in un attentato con arma da fuoco a Strasburgo, nell'est della Francia, martedì sera al mercatino di Natale de...
12.12.2018
Mondo

Professore ucciso da uno dei suoi studenti a Parigi per "aver insultato l'islam"

Un professore universitario irlandese è stato pugnalato a morte da uno dei suoi ex studenti perchè avrebbe "insultato il profeta Maometto", ha dic...
10.12.2018
Mondo

Salvini porta la Lega in piazza: "Datemi il mandato a trattare con l'Ue"

"Ce la metteremo tutta per far tornare l'Italia grande". Quando Matteo Salvini è salito sul palco della manifestazione della ...
08.12.2018
Mondo